Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il piccolo Charlie Gard è morto. La mamma al Sun: “Il nostro piccolo se n’è andato”

Nei giorni scorsi i genitori hanno rinunciato alla battaglia legale per cercare di portarlo in America
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ morto il piccolo Charlie Gard, il bimbo inglese di 10 mesi affetto da una grave malattia genetica degenerativa (la sindrome da deplezione del Dna mitocondriale) per cui i Tribunali della Gran Bretagna – e in ultimo anche la Corte europea dei diritti dell’uomo– avevano ordinato di porre fine alle cure e staccare le macchine giudicando la sua malattia incurabile e troppo dolorosa.

La notizia è già sui quotidiani britannici: il Sun scrive che il piccolo è morto 7 giorni prima del suo compleanno: avrebbe compiuto un anno il 4 agosto.

Connie, la mamma del piccolo, questa sera ha dichiarato: “Our beautiful little boy has gone, we are so proud of you Charlie”, ovvero “Il nostro piccolo bellissimo bimbo se n’è andato, siamo così fieri di te Charlie“.

LEGGI ANCHE:

Charlie Gard, i genitori si arrendono: “Non c’è più tempo”. Ritirata richiesta di portarlo in Usa

Charlie, ospedale Bambino Gesù: “Non si può parlare di ritardi. Terapia poteva essere opportunità”

Il piccolo Charlie non può essere trasferito in Italia per “ragioni legali”

Rinviato lo stop a macchine per Charlie. I genitori: “Ci danno un po’ di tempo per salutarlo”

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»