Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“No allarmismi su variante Delta”, Gimbe spiega le misure da adottare

ricerca_laboratorio_analisi_chimica
"Tracciamento e sequenziamento devono aumentare. Necessario adeguato screening dei viaggiatori alle frontiere e l'accelerazione della copertura con le seconde dosi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “La situazione è molto favorevole sul piano epidemiologico, i numeri continuano a scendere, siamo in piena fase discendente dell’epidemia. L’elemento di disturbo in questa fase di quiete è rappresentato dalla variante Delta, non dobbiamo fare allarmismo, ma definire gli elementi di preoccupazione. È una variante più contagiosa e caratterizzata da una minore risposta vaccinale con una sola dose. Tracciamento e sequenziamento devono aumentare. La terza cosa è un adeguato screening dei viaggiatori alle frontiere e l’accelerazione della copertura con le seconde dosi, soprattutto per gli over 60. La palla adesso passa ai servizi sanitari che purtroppo non sono stati adeguatamente potenziati. Mi dispiace constatare che si torna sempre sulle tesse criticità, cioè l’incapacità, ogni volta che il virus abbassa la testa, di dare risposte adeguate. La prevenzione è un po’ l’anello debole del nostro sistema, non possiamo utilizzare sempre la teoria del ‘io speriamo che me la cavo'”. Lo ha detto Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

LEGGI ANCHE: Sileri: “Con variante Delta probabile rimodulazione Green Pass, da rilasciare dopo seconda dose”

LO STATO DELLA VACCINAZIONE IN ITALIA

“Siamo al 30% della popolazione che ha effettuato il ciclo completo di vaccinazione. I dati interessanti sono due: 2,8 milioni di over 60 non ancora vaccinati né prenotati, bisogna intervenire con le strategie di chiamata attiva. Altro dato interessante è che i giovani vengono coinvolti, ma al momento la priorità è completare il ciclo vaccinale negli over 60 che hanno fatto solo la prima dose. Allungare la seconda dose a 42 giorni ora non è più una buona idea, bisogna tornare indietro e alcune regioni lo stanno già facendo”, ha aggiunto Cartabellotta. “Il problema reale che si è verificato alla fine del secondo trimestre è che chiuderemo a -20 milioni di dosi rispetto a quelle previste. Ad oggi avremo a disposizione a luglio circa 15 milioni di vaccini Pfizer e Moderna che serviranno prevalentemente per le seconde dosi degli over 60. Bisogna cominciare a potenziare la campagna informativa. Non è solo un problema di forniture, è anche un problema di persuasione, perché le curve di prenotazione stanno cominciando a flettere, la gente comincia a prenotarsi di meno”, ha concluso il presidente della fondazione Gimbe.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»