Coronavirus, il sottosegretario Di Piazza: “Subito sostegno alle Coop”

Stanislao Di Piazza, sottosegretario al Lavoro e Politiche sociali, parla della necessita' di misure a sostegno al terzo settore
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Per sostenere il terzo settore e il mondo della cooperazione serve liquidita’ e aiuti immediati, il governo pensa quindi “a forme di liquidita’ diverse dall’accesso al credito che e’ un prestito e, che ha suggerito anche l’Alleanza delle cooperative, ed interventi sui crediti che le coop hanno con le Pa”. Stanislao Di Piazza, sottosegretario al Lavoro e Politiche sociali, parla della necessita’ di misure a sostegno al terzo settore.

Interpellato dalla ‘Dire’ in particolare sull’appello delle associazioni nazionali delle cooperative, che chiedono misure immediate, il rappresentante del governo spiega di essere al lavoro su “qualche forma per cui vengano ceduti i crediti, stiamo studiando la misura e speriamo di trovare una soluzione”, assicura.

“L’appello che hanno fatto le cooperative e’ un lavoro fatto bene- sottolinea- che apprezzo e in gran parte condivido per la collaborazione che puo’ dare al governo per pensare alla ricostruzione del paese. Le coop- osserva Di Piazza- c’entrano l’obiettivo: la persona viene prima, poi il capitale. Questo e’ fondamentale per lo sviluppo del paese: non dobbiamo dimenticare che al centro dell’attenzione deve esserci la persona”.

Per quanto riguarda il sistema della cooperazione e dell’impresa sociale “credo che debbano rappresentare la terza colonna tra Stato e mercato, abbiamo visto come negli ultimi anni c’e’ stata un esasperazione della cultura del capitalismo, ora dobbiamo rivalutare il mondo del terzo settore che vede il profitto come elemento fondamentale per lo sviluppo del paese ma individuando l’uomo che produce e non l’individuo che consuma”.

Per il rappresentante del governo “dobbiamo quindi facilitare il piu’ possibile le condizioni, attraverso le norme che premino le imprese virtuose, quindi costruire con un nuovo modello economico. Una delle cose piu’ importanti e’ sicuramente dare liquidita’ immediata per far fronte alle difficolta’ di questi mesi, con attenzione in particolare a quelle maggiormente penalizzate che sono le piccole imprese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»