hamburger menu

Per le Olimpiadi del 2026 i camion non passeranno più dal centro di Cortina d’Ampezzo

Via libera al 'lotto 0' della variante. Stop mezzi pesanti in centro per i Giochi. Il sindaco: e vogliamo collegare Faloria e Tofane.

Pubblicato:27-11-2023 18:57
Ultimo aggiornamento:27-11-2023 19:10
Canale: DIre Montagne
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

VENEZIA – In tempo per i Giochi olimpici invernali del 2026, i camion non passeranno più per il centro di Cortina d’Ampezzo. E’ la promessa che arriva oggi dalla Conferenza dei servizi decisoria per l’esame del progetto esecutivo del Lotto 0 della ‘Variante di Cortina’ che prevede, tra i vari interventi, la sistemazione del corpo stradale di Lungo Boite e la riqualificazione di via Casere Battisti; quest’ultima finalizzata a una gestione prioritariamente pedonale. Il progetto rientra nel Piano degli interventi legati ai Giochi di Milano Cortina 2026. “Si tratta di un intervento di particolare interesse per la comunità ampezzana, che oltre a mettere in sicurezza il cuore di Cortina dagli effetti del transito dei mezzi pensati in prossimità della chiesa, trasforma la viabilità di via Cesare Battisti in area pedonale, estendendo quindi considerevolmente l’area del centro cittadino destinata alla fruizione dei pedoni”, afferma Luigivalerio Sant’Andrea, commissario straordinario di Governo e amministratore delegato della Società Infrastrutture Milano Cortina 2026. Ma soprattutto: i lavori del Lotto 0 saranno completati prima dei Giochi 2026, assicura.

IL PROGETTO DELLA VARIANTE CORTINA, IL ‘LOTTO 0’

Il progetto della ‘Variante Cortina’ è stato articolato in tre Lotti funzionali e ha l’obiettivo di migliorare e risolvere le problematiche connesse al traffico viario, in particolar modo causato dall’attraversamento dei mezzi pesanti, che attualmente impatta in modo significativo sul centro abitato. La realizzazione del progetto, atteso da lungo tempo dal territorio, “contribuirà a un sostanziale e decisivo miglioramento della viabilità stradale nelle more della completa realizzazione degli interventi previsti nei successivi lotti della variante di Cortina”, dice ancora Sant’Andrea.

E IL COMUNE ESULTA

Il Comune di Cortina d’Ampezzo esprime “grande soddisfazione” per la notizia sul ‘lotto 0’ della variante: una novità “cruciale” per “migliorare la percorribilità del centro di Cortina, proteggendo la bellezza del nostro cuore cittadino e liberandolo dal traffico parassita che attualmente ne soffoca le strade“. E così, perse le gare da bob, Cortina inizia a vedere qualche segnale positivo: “In un contesto in cui lo spirito delle Olimpiadi, oltre al suo indiscutibile valore sportivo, inizia a manifestarsi con chiarezza, ciò che risalta ancor di più è il potenziale positivo che questo evento porterà nella nostra comunità. Oltre alle competizioni atletiche, le Olimpiadi ci offrono una serie di opportunità che altrimenti non avremmo mai avuto modo di sperimentare. Uno dei principali benefici sarà il significativo miglioramento della vivibilità della nostra città”, afferma l’amministrazione.

IL PROSSIMO SOGNO: IL COLLEGAMENTO TRA TOFANE E FALORIA

E si spera quindi che quello di oggi sia “l’inizio di un percorso che auspichiamo possa riservarci ulteriori sorprese. Il nostro obiettivo è unire le due prestigiose aree sciistiche del Faloria e delle Tofane (i due comprensori sciistici di Cortina, ndr) attraverso un collegamento che diventerà la vera opera iconica delle Olimpiadi Milano Cortina 2026”, dice il sindaco Gianluca Lorenzi. “Questo progetto ambizioso non solo accrescerà l’attrattività di Cortina come destinazione turistica, ma rappresenterà anche un investimento nel futuro della comunità locale. La realizzazione di questa infrastruttura segnerà un nuovo capitolo nella storia di Cortina”. Ora “saranno fondamentali i prossimi passi, per avere certezza che queste opere abbiano la totale copertura finanziaria, e contiamo sull’appoggio del Presidente Zaia perché questo si trasformi in realtà”, dicono infine dal Comune.

ZAIA GRAZIE AI GIOCHI CORTINA AVRÀ INTERVENTI ATTESI DA ANNI

“La Variante di Cortina, attesa da tanti anni, sarà realtà grazie alle Olimpiadi invernali del 2026. siamo pronti a portare in Ampezzo l’opera viaria principale di questi Giochi. Una variante che riconsegna ai cittadini ampie parti del centro abitato e toglierà di mezzo tutto il traffico pesante dal centro storico di Cortina d’Ampezzo: sarà così garantita più sicurezza, più rispetto dell’ambiente, più spazio alle attività economiche e commerciali”. Non nasconde la sua soddisfazione il presidente de Veneto Luca Zaia. “Sono interventi attesi da anni: è grazie ai Giochi Olimpici di Milano che arriveranno i primi 30 milioni di euro per il primo lotto della variante, il by pass del centro storico, cui seguiranno ulteriori due lotti, per completare il resto del progetto, per altre decine di migliaia di euro di opere”, aggiunge Zaia. La realizzazione di questo progetto “è attesa da anni dalla comunità ampezzana e da un intero territorio, perché il transito dei mezzi pesanti nel cuore della località ampezzana aveva un impatto negativo pesante sulla qualità di vita di residenti e turisti e sulla salubrità dell’ambiente. Oltre agli aspetti più prettamente sportivi, le cui decisioni sono ancora in corso per quanto riguarda le sedi di gara di Cortina– conclude Zaia– avremo a breve la possibilità di toccare con mano l’impatto positivo su Cortina e a un vasto territorio la candidatura olimpica, con infrastrutture che, senza Milano-Cortina 2026 probabilmente non sarebbe stato possibile realizzare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-27T19:10:55+01:00

Ti potrebbe interessare: