Scuola, dalle Regioni ‘ok’ alle linee guida per la gestione dei casi di Covid

Le linee guida sono "una sorta di guida operativa destinata agli istituti scolastici"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Via libera della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome alle ‘Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia’, predisposte da Istituto Superiore di Sanita’, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione e Inail.

“La Conferenza delle Regioni- ha spiegato il Presidente del Molise, Donato Toma, che oggi ha presieduto la riunione- prosegue con responsabilita’ istituzionale l’interlocuzione con il Governo in vista della riapertura della scuola ed oggi ha espresso un parere sostanzialmente favorevole al documento predisposto dai ministeri competenti e da ISS e INAIL. Un testo che e’ una sorta di guida operativa destinata agli istituti scolastici per la gestione dei casi di bambini con segni/sintomi Covid-19 correlati e per la preparazione, il monitoraggio e la risposta a potenziali focolai da Covid-19 collegati all’ambito scolastico e dei servizi educativi dell’infanzia attraverso modalita’ basate su evidenze e bune pratiche di sanita’ pubblica. Insomma indicazioni operative condivise per evitare come e’ scritto nel documento ‘frammentazione e disomogeneita”. Abbiamo solo chiesto che nei servizi educativi per l’infanzia la didattica possa svolgersi a gruppi stabili, rimettendo ai singoli istituti la valutazione sulla loro dimensione”.

“Ed abbiamo presentato anche- ha concluso Toma- una raccomandazione sulla didattica a distanza, per classi e per plesso nel caso, in cui si dovessero verificare cluster che ne impongano la riattivazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»