Violenza donne, interrogazione parlamentare sulla vicenda del presidente di Cotrab Basilicata

"Giulio Ferrara è stato reintegrato in servizio dopo essere stato condannato in tutti e tre i gradi di giudizio per violenza sessuale ai danni di una lavoratrice": dice la deputata dem Laura Boldrini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ho depositato questa mattina un’interrogazione parlamentare sulla vicenda a dir poco sconcertante di Giulio Ferrara, presidente di COTRAB Basilicata, reintegrato in servizio dopo essere stato condannato in tutti e tre i gradi di giudizio per violenza sessuale ai danni di una lavoratrice”. Lo dice la deputata dem Laura Boldrini, commentando l’avvenuta rielezione di Ferrara ai vertici del trasporto pubblico regionale. 

LEGGI ANCHE: Condannato per stupro e confermato presidente di Cotrab Basilicata, l’assessore lo difende: “No a valutazioni morali”

“Con questa interrogazione- sottolinea l’ex presidente della Camera- si chiede al governo quali azioni intenda intraprendere per far si’ che il presidente di COTRAB sia rimosso subito dall’incarico, data la sua condanna in via definitiva per violenza sessuale nei confronti di una dipendente del Consorzio. Cio’ e’ reso ancora piu’ grave dal fatto che la vittima e’ ancora impiegata presso la stessa azienda. Come si fa a ritenere accettabile o normale che una donna che ha subito violenza sia costretta a rapportarsi tutti i giorni sul posto di lavoro con l’uomo che l’ha abusata, e che perdipiu’ e’ anche il suo capo? Come ha fatto l’assemblea elettiva di COTRAB a mostrare un tale disprezzo per la sofferenza e la legittima paura di questa donna? Non posso che unirmi all’indignazione delle associazioni, dei centri antiviolenza e dei sindacati che hanno denunciato pubblicamente questa decisione. L’abuso di potere contro le donne non e’ piu’ tollerabile“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»