Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 27 luglio 2021

screen tg pol
In questa edizione: in piazza tornano gli esercenti di IoApro, l'Istat segnala il crollo dell'occupazione, Conte cerca la mediazione sulla riforma della giustizi, Casellati rimprovera i media: "Troppa visibilità ai virologi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CONTE A DRAGHI: FIDUCIA? VALUTEREMO MEDIAZIONE

Giuseppe Conte rilancia sulla giustizia. Dopo aver incontrato le commissioni parlamentari del Movimento 5 stelle alla Camera, l’ex premier dice di non prendere neanche in considerazione l’ipotesi che il testo della riforma non venga modificato. Conte non arriva a minacciare lo strappo sulla fiducia, ma ribadisce che i processi per mafia e terrorismo non possono svanire nel nulla. “Abbiamo fatto delle osservazioni condivise da buona parte degli addetti ai lavori”, spiega parlando fuori da Montecitorio. Le critiche alla riforma Cartabia, aggiunge, non sono state avanzate “per soddisfare un’esigenza ideologica, politica o di bottega del M5S”, garantisce l’ex premier. La mediazione con il governo è in corso, ma i tempi per un accordo sono stretti: venerdì la riforma della giustizia è attesa in aula.

ISTAT: MANCANO ALL’APPELLO 735MILA OCCUPATI

La pandemia ha segnato duramente il mercato del lavoro. L’occupazione è diminuita drasticamente nel 2020 con contraccolpi fino a gennaio 2021 e da febbraio è tornata a crescere, seppure in modo graduale. Il presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, spiega che in Italia mancano ancora 735mila occupati rispetto al periodo pre Covid. Inoltre, i dipendenti coinvolti nella cassa integrazione sono stati quasi sette milioni. La fotografia scattata dall’Istituto nazionale di statistica è quella di un Paese dove le disuguaglianze si sono ampliate nell’ultimo anno e mezzo. La povertà cresce anche tra le persone che hanno un lavoro. I consumi restano al palo, il virus infatti ha innescato un crollo mai registrato dal dopoguerra.

GREEN PASS, RISTORATORI E FORZA NUOVA PROTESTANO IN PIAZZA

Tornano in piazza i ristoratori del movimento IoApro. Questa volta la protesta è contro le nuove norme sul green pass per i locali al chiuso. Qualche migliaio di persone si sono ritrovate in piazza del Popolo, sotto un sole cocente. Al grido di “libertà” e “no green pass” ristoratori e baristi hanno protestato contro il governo. Alla manifestazione ha partecipato anche Forza Nuova. Il leader, Giuliano Castellino, è stato invitato a parlare dal palco. I neofascisti, armati di tricolori e fumogeni, hanno subito preso di mira i giornalisti, definiti “terroristi”. Molti gli insulti a Mario Draghi e Roberto Speranza.

CASELLATI: INGIUSTIFICATA VISIBILITÀ DATA AI VIROLOGI

I vaccini servono a proteggere la salute e sono il presupposto per fare ripartire il Paese ma finora è stata data troppa visibilità ai virologi. La presidente del Senato Elisabetta Casellati punta il dito contro gli esperti del virus e la loro presenza sui mezzi di comunicazione. Una visibilità ingiustificata, sostiene la Casellati durante la cerimonia del Ventaglio, poichè in questo anno e mezzo i virologi si sono resi protagonisti di dibattiti contraddittori e confusi. Questo ha causato nei cittadini dei pericolosi ‘fai da te’ circa i loro comportamenti sanitari. Poi un appello ai giornalisti, chiamati dalla Casellati a verificare l’enorme flusso di notizie per evitare il pericolo dell’infodemia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»