Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Casellati contro i virologi: “Contraddittori e confusi, hanno scatenato ‘fai da te’ sanitario”

La presidente del Senato attacca "l'ingiustificata visibilità data ai virologi" durante la pandemia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Informare le persone sulle dinamiche del contagio e sui comportamenti più corretti da tenere è stato, e continua ad essere, un aspetto decisivo per la gestione della pandemia. Ma la risposta alla domanda di informazione da parte del pubblico ha finito anche per generare il fenomeno della ‘infodemia’, l’enorme flusso di notizie, incontrollato e spesso incontrollabile, che crea disorientamento, incertezza e ansia in molti cittadini. Basti pensare all’ingiustificata visibilità data ai virologi che si sono resi protagonisti di un susseguirsi di dibattiti frammentari, contraddittori e confusi, con opinioni espresse e poi ritrattate, provocando il pericoloso ‘fai da te’ dei cittadini sui loro comportamenti sanitari”. Lo dice la presidente del Senato Elisabetta Casellati, durante la cerimonia del ventaglio.

Per Casellati “è più che mai necessario, dunque, interrogarsi sulle nuove e ancora più impegnative responsabilità di chi gestisce e lavora nei media. Le leggi non bastano. Serve un impegno deontologico fondato sulla consapevolezza del ruolo educativo e formativo dei mezzi di comunicazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»