Bonaccini: “Se Conte gestirà bene la fase 2 sarà punto di riferimento per il centrosinistra”

L'investitura del presidente dell'Emilia-Romagna: "Governo ha fatto bene nella fase 1, non è banale. Ora arriva il difficile"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “Se il presidente del Consiglio, come ha gestito bene la fase 1, riuscira’ a gestire bene la fase 2, e questo lo potremo verificare nelle prossime settimane, credo diventi immediatamente un riferimento, guidando una coalizione ampia di centrosinistra”. L’investitura al premier Giuseppe Conte arriva da Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni, intervistato questa mattina a ‘L’aria che tira’ su La7.

Bonaccini rilancia cosi’ la frase pronunciata nel dicembre scorso dal segretario Pd Nicola Zingaretti, secondo il quale Conte era appunto “un fortissimo punto di riferimento di tutte le forze progressiste”. E i 5 stelle? “Non credo alle alleanze a tavolino- resta invece cauto Bonaccini su questo punto- avete visto cosa e’ successo in Emilia-Romagna: dicevano che avrei perso senza l’M5s, invece ho vinto con i 5 stelle all’opposizione. Secondo me sono i programmi che fanno fede. E candidarsi per qualcosa, non contro qualcuno”.

Bonaccini ribadisce quindi il suo giudizio positivo sull’operato del premier Giuseppe Conte e del suo Governo nei mesi dell’emergenza. “Non e’ mica facile gestire questa fase- afferma il governatore- e anche dire che il Governo ha fatto bene la fase 1, non e’ un complimento banale. Adesso c’e’ la fase piu’ difficile, perche’ a chiudere e’ piu’ facile essere applauditi, quando devi difendere la salute, mentre andare a riaprire con milioni di esigenze differenti, tutte comprensibili rispetto a comparti economici in difficolta’, e’ piu’ dura”. Dunque, insiste Bonaccini, “mi auguro che il Governo ce la faccia, perche’ vorrebbe dire che ce la fa il Paese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»