Un’altra festa di spagnoli a Roma, dieci sanzionati in Centro

Avevano precedenti specifici: avevano già violato le norme anti-Covid in novembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È stata la segnalazione giunta al 112, a far scoprire agli agenti del commissariato Castro Pretorio e del I Distretto Trevi Campo Marzio, una festa privata organizzata all’interno di un B&B da alcuni studenti spagnoli nel centro della Capitale. A fatica gli agenti, arrivati sul posto e saliti al secondo piano dell’edificio interessato, sono riusciti a farsi aprire la porta dell’appartamento interessato. Bottiglie d’alcol in terra, musica ad alto volume e 10 ragazzi in evidente stato di alterazione alcolica, questo quanto accertato dai poliziotti nel corso del loro intervento. I ragazzi, con un precedente specifico nel Novembre scorso sempre per inosservanza delle norme anti Covid 19, sono stati tutti contravvenzionati.

LEGGI ANCHE: Roma. Nascosti sotto il letto, sanzionati 28 spagnoli per festa privata

In zona Romanina invece, gli agenti, del locale commissariato, durante un servizio di controllo mirato al contenimento della diffusione del covid-19, alle ore 18:30 di ieri, hanno accertato presso una pizzeria a taglio, la presenza di 13 persone che stavano consumando, seduti ai tavoli, cibi e bevande nella pertinenza esterna dell’esercizio. Tutti sono stati sanzionati secondo la vigente norma, compresi i proprietari della pizzeria; il locale è stato chiuso per 5 giorni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»