Giornale radio sociale, edizione del 27 febbraio 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

SOCIETA’ – Italia green. Nella sua presentazione del Rapporto “La Legge di Bilancio 2020 e lo sviluppo sostenibile” Asvis fa il punto rispetto al raggiungimento degli Obiettivi dell’Agenda 2030. Ce ne parla Anna Monterubbianesi. È una valutazione tendenzialmente positiva quella di Asvis, che definisce la legge più attenta allo sviluppo sostenibile con provvedimenti che recepiscono alcune proposte significative: dal legame tra incentivi per ‘Industria 4.0’ ed economia circolare, al varo di un Green New Deal italiano, dall’impegno per la mobilità sostenibile a quello per l’innovazione, dalla lotta alle disuguaglianze di genere all’attenzione ai problemi abitativi e delle periferie, anche se l’efficacia dipenderà dalla rapidità e dai contenuti dei decreti attuativi. Restano invece insufficienti le misure prese per la tutela della biodiversità, le risorse per istruzione, cooperazione allo sviluppo e occupazione giovanile. L’Italia è migliorata in 11 obiettivi di sviluppo sostenibile su 17, a partire dalla lotta alla povertà, tra il 2017 e il 2018, ma ha registrato un «significativo peggioramento» per uguaglianza di genere, acqua e strutture igienico-sanitarie, condizioni degli ecosistemi terrestri e cooperazione internazionale.

DIRITTI – Migliaia di posti a rischio. Con la chiusura di asili e scuole per l’infanzia, la cooperazione sociale comincia a temere per il futuro di oltre 30 mila lavoratori, con un danno economico stimabile in 10 milioni di euro al giorno, che rischia di minare la tenuta di molte realtà. Lo ha spiegato Mauro Lusetti, Presidente dell’Alleanza delle Cooperative, secondo il quale per rispondere all’emergenza economica determinata dal Coronavirus, sono necessarie misure urgenti di sostegno alle imprese, a partire dalla cassa integrazione in deroga per tutti i settori colpiti.

INTERNAZIONALE – In fuga per la fame. Una persona su tre in Venezuela soffre di carenza alimentare: sono i dati di uno studio delle Nazioni Unite che rivela una condizione precaria diffusa in tutto il territorio nazionale. Gran parte della popolazione sopravvive con una dieta composta principalmente da tuberi e fagioli. A questa situazione si aggiunge il continuo esodo: sono quasi 5 milioni i cittadini che fino ad oggi hanno lasciato il Paese.

ECONOMIA – Un futuro etico per la finanza. È possibile gestire il denaro per favorire occupazione, diritti e ambiente? A questa domanda si tenterà di rispondere domani con una iniziativa organizzata a Roma da Banca Etica. Il servizio di Paolo Andruccioli
Da tempo ci siamo quasi rassegnati a pensare ad una finanza “nemica” del lavoro e dell’ambiente, costruita esclusivamente sulla massimizzazione dei profitti e sul libero gioco della speculazione a favore dei grandi investitori. Una finanza che non si tira mai indietro quando ci sono da sacrificare aziende e diritti, ma che abbandona al proprio destino milioni di persone che non hanno accesso al credito bancario. Negli ultimi venti anni sono però cresciute esperienze di finanza alternativa all’estero e nel nostro Paese. Ce lo spiega Alessandro Messina, direttore di Banca Etica. (sonoro)

CULTURA – Imparare la lingua. Sono centinaia i volontari che insegnano l’italiano a 10 mila stranieri. Nel Lazio sono 93 gli enti che offrono gratuitamente corsi e laboratori. I dati sono stati diffusi dalla Rete regionale delle scuole migranti, sostenuta dal Csv. Realtà che rispondono alle esigenze più diverse e hanno allievi da 147 Paesi del mondo. Ma il loro impegno non basta: per questo si rivolgono al sistema pubblico e ai Centri provinciali di istruzione degli adulti.

SPORT – Un gol per i diritti. In Arabia Saudita nasce il primo campionato di calcio femminile. Sono passati solo due anni da quando le donne del Paese hanno avuto libero accesso agli stadi per assistere a una partita ed ora è stata lanciata la Women’s Football League, che avrà un montepremi di circa 130 mila euro e, nella prima stagione, si svolgerà a Riyad, Gedda e Dammam, con possibilità in futuro di coinvolgere altre città.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»