hamburger menu

Roma svolta a destra, solo 2 collegi uninominali su 12 al centrosinistra

Sono solo due i neodeputati che hanno 'resistito' all'avanzata del centrodestra: Paolo Ciani e Roberto Morassut

Pubblicato:26-09-2022 10:16
Ultimo aggiornamento:26-09-2022 10:16
Canale: Politica
Autore:
ciani_morassut
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Roma si sveglia a destra. Nelle 12 sfide dei collegi uninominali, nove alla Camera e tre al Senato, dieci sono andati alla coalizione guidata da Giorgia Meloni e due al centrosinistra. A resistere all’avanzata sono stati i neo deputati Paolo Ciani, eletto a Roma centro, e Roberto Morassut, che ha vinto di un soffio all’Ardeatino-Tuscolano.

Per il centrodestra entreranno al Senato Lavinia Mennuni (vinta la sfida contro Emma Bonino e Carlo Calenda), Giulia Bongiorno ed Ester Mieli. Alla Camera siederanno Simonetta Matone, Fabio Rampelli, Antonio Tajani, Alessandro Palombi, Alessandro Battilocchio, Federico Freni e Luciano Ciocchetti, che entra ai danni del Dem Claudio Mancini (per lui probabile ingresso però con le liste plurinominali).

LEGGI ANCHE: DIRETTA | L’Italia si sveglia a destra, Fdi supera il 26%. Pd sotto il 20%, Lega sotto il 9%. Tutti i risultati

Al Senato la sconfitta che fa più rumore è quella di Emma Bonino, candidata nel collegio Lazio U02. La leader radicale, sostenuta da tutto il centrosinistra, è arrivata al 33,2%, mentre Lavinia Mennuni di Fratelli d’Italia si è aggiudicata il 36,4%, guadagnando così il pass per Palazzo Madama. A consentire la vittoria del centrodestra sono stati i risultati di Carlo Calenda, al quale sono andate il 14% delle preferenze, e Alessandra Maiorino del M5S all’11,3%. Per il leader di Azione le porte del Parlamento si apriranno grazie al ripescaggio nelle liste plurinominali.

Al collegio Lazio U04, Monica Cirinnà, candidata tra mille polemiche, è stata sconfitta da Ester Mieli. L’esponente del Pd ha avuto il 31% dei voti contro il 37,4 della candidata di centrodestra. La senatrice uscente del M5S, Giulia Lupo, ha ottenuto il 15,5%, mentre Maria Rita Iorio del Terzo polo è al 10%.
Nel collegio Lazio U03 Giulia Bongiorno ha sfiorato il 40% delle preferenze e ha staccato di oltre dieci punti l’assessore capitolino Andrea Catarci, al 29,8%. Giuseppe Cracchiolo del M5S ha preso il 16,4%, mentre Livia Pandolfi del Terzo polo è all’8,1%.

FESTA PER MORASSUT ALLA CAMERA

Alla Camera fa festa Roberto Morassut, candidato del Pd nel collegio tra il Tuscolano e l’Ardeatino, che per circa mille voti ha vinto la sfida con Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia, finita 35,12% a 34,64%. La parlamentare uscente del M5S Francesca Flati è arrivata al 14,85%, mentre Luca Di Egidio del terzo polo si è fermato al 9,87%.

Il centrosinistra si è aggiudicato anche il collegio di Roma centro con Paolo Ciani, esponente di spicco della Comunità di Sant’Egidio, con il 38,42%. Staccata Maria Spena, parlamentare uscente di Forza Italia, al 30,83. Elena Bonetti, ministra nel governo Conte e candidata del Terzo polo, ha racimolato il 16,71%. Livio De Santoli, prorettore alla Sostenibilità dell’Università La Sapienza di Roma e candidato con il M5S, si è fermato al 9%.

Nel collegio U02, che comprende il III e IV municipio, la magistrata della Lega Simonetta Matone ha vinto di circa 4mila voti su Enzo Foschi del Pd. Alla prima sono andate il 35,91% delle preferenze contro il 33,67 del secondo. Manuel Tuzi del M5S ha ottenuto il 15,21%, mentre Fabio Dionisi del terzo polo il 9,66%.
Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e candidato di FdI, ha fatto il pieno di preferenze in periferia, ottenendo il 43,13%. Rossella Muroni, ex presidente di Legambiente e candidata del centrosinistra, è rimasta indietro al 26,93%. Angela Salafia del M5S ha ottenuto il 17,96% mentre Marta Marziali del Terzo polo si è fermata al 5,97%.

Nel collegio Lazio 1 U06, che comprende Monteverde, Marconi e Fiumicino, Luciano Ciocchetti, ex Udc ora in Fratelli d’Italia, ha vinto la sfida con Claudio Mancini, esponente di spicco del Pd romano. Al primo sono andati il 38,56% dei voti contro il 32,12% del secondo. Emanuele Ceccati del M5S ha ottenuto il 14,42%, mentre Francesca Severi del Terzo Polo il 9,38%.

Nel collegio U05, che va dall’Eur a Pomezia, Patrizia Prestipino, candidata Dem, è stata sconfitta da Alessandro Battilocchio, esponente del centrodestra e parlamentare uscente per 28,15% a 39,9%. Marco Bella del M5S è arrivato al 16,95%, mentre Pietro Madonia al 9,33%.
Nel collegio U08, che comprende l’area dei Castelli romani, Antonio Tajani ha raggiunto quasi il 50% delle preferenze, arrivando al 48,94%. Molto indietro Rosalba Giannino del centrosinistra, al 23%, Sante Narcisi del M5S al 15,95% e Roberto Mastrosanti del Terzo polo al 6,58%.

Anche nel collegio U09, nell’area di Guidonia e i comuni a est di Roma, il centrodestra ha ottenuto un plebiscito con Alessandro Palombi, arrivato al 50,9% delle preferenze. L’attuale presidente del Consiglio regionale del Lazio, Marco Vincenzi, si è fermato al 23,31%. Viviana Carbonara del M5S ha avuto il 15,89% dei voti, mentre Giovanna Marchese del Terzo polo il 5,02%.

Infine, nel collegio U07, che comprende le zone di Roma Nord, Federico Freni, candidato del centrodestra e sottosegretario all’Economia uscente, ha ottenuto il 42% e ha staccato l’esponente del centrosinistra Carlo Romano, di Impegno civico, arrivato al 28,89%. Carola Penna del M5S si è fermata al 12,45%, mentre Valentina Grippo, consigliera alla Regione Lazio e candidata del Terzo Polo, ha preso l’11,94%.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-09-26T10:16:39+01:00