Caso Massaro, la replica di Giuseppe Apadula: “Bambino orfano di padre vivo”

Riceviamo e pubblichiamo la replica del padre del bambino per il cui affidamento è in corso una lunga battaglia giudiziaria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Riceviamo e pubblichiamo la replica di Giuseppe Apadula, ex compagno di Laura Massaro e padre del bambino per il cui affidamento è in corso una lunga battaglia giudiziaria.

LETTERA DI GIUSEPPE APADULA

‘Un bambino orfano di un padre vivo. Abbiamo avuto modo di notare che, nel tempo, la vostra agenzia di stampa ha dato molta risonanza al caso di Laura Massaro nella sua protesta contro la decisione del Tribunale per i Minorenni di Roma, che disponeva il collocamento del figlio presso il padre. La signora invocava giustizia. In occasione del successivo provvedimento della Corte d’Appello, che ha riformulato parzialmente la decisione prevedendo comunque il necessario ripristino della relazione padre-figlio, la madre ha continuato a rilasciare interviste, sollecitato articoli, scritto centinaia di post sui social dichiarandosi ‘vincente’. Ma a quale giustizia fa riferimento la signora Massaro? Cosa ha capito di quel decreto per dichiararsi vincente? Per chi conosce i fatti, la versione che la Massaro continua ad imporre con persistente e ostinato rilievo mediatico è pericolosamente distorta. Ma anche per chi non li conosce, ci chiediamo se possa apparire credibile che un bambino di poco più di due anni decida di non voler vedere più il padre e la famiglia paterna, e riesca a tenere tenacemente questo proposito per oltre sei anni, dal 2013 ad oggi, senza mai riuscire a spiegarne il perché. Il rischio, in assenza di contraddittorio, è quello di farci dimenticare che c’è anche la versione di chi, confidando davvero nella possibilità che la giustizia istituzionale sblocchi questa situazione prima che sia troppo tardi, preferisce non usare il megafono. Contro ogni dato di realtà e noncurante delle norme del nostro ordinamento- scrive il signor Apadula- Laura Massaro continua a definire se stessa una ‘madre idonea’, nonostante le risultanze di due Consulenze Tecniche d’Ufficio ne abbiano evidenziato le significative disfunzionalità e le decisioni dell’Autorità Giudiziaria continuino a confermare la grave negatività del suo operato. Talmente idonea da vedere sospesa la propria genitorialità, con la nomina di un Tutore e, più recentemente, anche di un Curatore del figlio’.

NOTA REDAZIONE DIREDONNE: La signora Massaro è stata accusata da due CTU – nel 2013 e nel 2018 – di alienazione parentale – la PAS che come sindrome non è riconosciuta dalla comunità scientifica- anche nelle sue declinazioni e affini e che il problema relazionale padre-figlio dalla prima CTU era stato addebitato ‘alle rappresentazioni negative date dalla madre al bambino’. Un rapporto definito successivamente ‘simbiotico’ e che, dopo la seconda CTU e l’audizione in cui il bambino riferisce alla giudice ‘di avere paura di incontrare il padre’, il Tribunale per i minorenni di Roma nel 2018 ha richiesto l’allontanamento urgente del minore dalla madre, trasferimento in casa famiglia per non meno di tre mesi, sospensione di tutti i contatti con la madre per tre mesi e affidamento super esclusivo al padre).

‘La signora Massaro- scrive ancora Apadula- continua a definirsi vittima di violenza solo per essersi rivolta ad un centro antiviolenza, e nonostante tutte le accuse e le denunce nei confronti dell’ex-compagno non abbiano trovato mai alcun riscontro, né alcun fondamento giuridico o psicologico. Una rappresentazione diffamatoria, dunque, in cui la signora confonde i fatti con i suoi personalissimi vissuti, dimenticando che anche la falsa denuncia è una forma di violenza’.

NOTA REDAZIONE DIREDONNE: A proposito di ‘falsa denuncia’ precisiamo che la querela presentata dalla signora Massaro è stata archiviata in data 15 settembre 2015.

‘La signora Massaro- prosegue quindi la lettera di Apadula- continua a pubblicare stralci di atti e documenti completamente decontestualizzati, stravolgendone il senso per sostenere una irrealistica e inspiegabile visione complottista. Continua a descrivere l’altro genitore come un persecutore, uno ‘stalker’, solo per non essersi voluto arrendere al distanziamento immotivato da un figlio anche suo, imposto da una madre che nega il valore della figura paterna sullo sviluppo di un bambino. Per sostenere la sua posizione di potere assoluto sul figlio, la signora Massaro continua a sfidare con convinzione l’ordinamento italiano e internazionale, nonché decenni di letteratura scientifica, mettendo in discussione il concetto di bigenitorialità. E di fronte alla convergenza di giudici e professionisti di riconosciuta competenza ed esperienza, che nel tempo hanno sempre confermato un orientamento contrario alla sua posizione, è arrivata a rappresentarsi come vittima di un malevolo disegno criminoso ad opera delle istituzioni, che vorrebbero incomprensibilmente separarla da suo figlio. La schiera dei ‘nemici’ della signora Massaro, dal 2013 ad oggi, si è dunque progressivamente ampliata nel tempo. Dal padre del bambino, a consulenti tecnici, psicologi, assistenti sociali, educatori, tutori, arrivando a comprendere i giudici di tre diversi Tribunali. Tanto che la signora è arrivata a presentarsi come vittima di una ‘violenza istituzionale’. Mai una riflessione. Nessun dubbio, nessun ripensamento. Laura Massaro continua ad invocare giustizia. Ma giustizia per chi? La signora continua a promuovere se stessa come paladina di un anacronistico primato genitoriale materno, non riconosciuto da alcun ordinamento giuridico, né da alcuna teoria psicologica con carattere di scientificità. Di fronte agli ultimi provvedimenti del Tribunale per i Minorenni e all’esito del ricorso in Corte d’Appello colpiscono le chiassose iniziative e la visibilità mediatica che ha ritenuto di dare a se stessa e al suo caso.
Colpisce la disinvoltura con la quale la signora Massaro, che esprime con tanta veemenza la motivazione a proteggere il suo bambino, possa darlo in pasto alle piazze, attribuendogli pubblicamente la ‘propria’ rappresentazione di bambino figlio di un padre violento e abusante, segnando così in modo falsificato e irreversibile la sua storia. Colpisce la risentita negligenza con la quale lo ha sempre accompagnato ai colloqui di CTU, alle audizioni in Tribunale, agli incontri assistiti disposti per facilitare la relazione padre-bambino, dimenticando che un genitore idoneo è (eventualmente) anche colui che aiuta il figlio a prendere una medicina che gli farà bene. Colpisce la perseveranza con la quale continua a sottrargli risorse, tempo, energie, possibilità. Un bambino che, come un condannato a morte in attesa del patibolo, a nove anni, su iniziativa della madre, già molto prima dell’emergenza sanitaria non è stato mandato a scuola per mesi, per ostacolare (o spettacolarizzare?) l’esecuzione del decreto del Tribunale che avrebbe dovuto condurlo dal padre. Colpisce l’onnipresente nonna materna, che è arrivata ad incatenarsi davanti al Tribunale per i Minorenni di Roma, dimenticando che la nonna paterna di 86 anni con grande dignità, eleganza e discrezione, sta chiedendo da tempo di poter rivedere il nipote. Colpisce che chi invoca giustizia non la rispetti. Che per Laura Massaro e la sua causa contrastare l’esecuzione di un decreto possa essere ostentato come un valore, e che questo trovi sostegno in esponenti politici del nostro Stato. Colpisce che per un bambino che, a suo dire, avrebbe attraversato esperienze così gravi, non sia mai stato effettuato alcun trattamento psicologico né accolto, per opposizione della stessa madre, il percorso di psicoterapia prescritto dalla Corte di Appello di Roma, che forse lo avrebbe aiutato a comprendere il senso reale di ciò che sta accadendo.
La signora sta infatti cercando di contrastare lo stesso decreto per il quale declamava vittoria, cercando di impedirne l’esecuzione, considerando l’intervento psicoterapeutico previsto per il figlio alla stregua di un Trattamento Sanitario Obbligatorio. Colpisce che in uno Stato di diritto anche i media possano muoversi sulla base di informazioni parziali e in totale assenza di contraddittorio’.

Poi Apadula si sofferma sull’impegno di alcune figure delle Istituzioni: ‘Tra le tante distorsioni, negli articoli e nei numerosi post pubblicati sui social emergono alcune significative omissioni. In particolare, nessun rilievo viene dato alla preoccupante e incongrua ingerenza politica in questioni private riguardanti un minore che dal 2013 non frequenta suo padre. Ci chiediamo, infatti, a che titolo e con quale fine l’onorevole Veronica Giannone si sia presentata nell’aula di Corte d’Appello dove si stava svolgendo l’udienza del caso, presentandosi con nome, cognome e carica istituzionale. Ci chiediamo su quali basi, nella vicenda familiare, sia stata chiamata in causa la Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e sulla violenza di genere, visto che, in questo caso, non vi è alcun femminicidio e alcuna violenza. Ci chiediamo a che titolo la Presidente di questa Commissione, la senatrice Valeria Valente, si stia occupando personalmente della vicenda familiare, dopo che è stato evidenziato in tutti i Tribunali che le accuse di violenza e maltrattamenti denunciate da Laura Massaro nei confronti del padre del bambino sono state tutte archiviate in quanto ritenute prive di qualsiasi fondamento. Perché queste parlamentari si affannano su un caso narrato in modo così spettacolarizzato, togliendo interesse e tempo alle vere vittime di violenza? Qual è il loro scopo? Certamente non sfugge lo scambio reciproco di una visibilità mediatica che si realizza sulla pelle di un bambino. Ancora una volta, ci chiediamo soprattutto se la giustizia invocata da Laura Massaro, più che a una tutela del figlio, faccia – piuttosto – riferimento ad una sua personale battaglia familiare contro il padre del bambino, che la signora intende vincere a qualsiasi costo, e della quale il figlio è semplicemente la principale vittima. Il nostro ordinamento prevede che di fronte a genitori che, con i loro comportamenti e la loro alterata rappresentazione della realtà, creino un danno allo sviluppo dei propri figli è necessario che le istituzioni intervengano per tutelare e proteggere questi bambini. Il fatto che nel caso specifico, come peraltro rilevato dalla Corte d’Appello, la madre potrebbe non avere consapevolezza del danno che sta causando al bambino, sulla base della convinzione personale di agire per il suo bene, non solo non può giustificare il suo comportamento, ma lo rende – al contrario – ancora più pericoloso. Nonostante tutte le disposizioni del sistema giudiziario che si sono succedute nel tempo nella direzione di promuovere una normalizzazione delle relazioni del bambino con i genitori e un ripristino della relazione padre-figlio, la signora Massaro non ha introdotto alcuna revisione dei propri convincimenti. Al contrario, con l’assetto oppositivo e di sfida assunto nei confronti delle figure istituzionali che non le davano ragione, nel tempo ha contribuito lei stessa a far sì che l’Autorità Giudiziaria introducesse progressivamente misure di maggior tutela nei confronti del figlio. Dopo sette anni di procedimenti giudiziari continua, tuttavia, a persistere una condizione di grave pregiudizio evolutivo che vede un bambino ostaggio di un contesto familiare altamente disfunzionale, che – tra l’altro – viola il suo diritto fondamentale di crescere in relazione con un padre che tutte le valutazioni giuridiche e psicologiche hanno ritenuto adeguato. Tanto che proprio il recente provvedimento della Corte d’Appello, così apprezzato dalla signora Massaro, ha disposto la necessità di una sua presenza nella vita quotidiana del bambino, in contrasto con il proposito materno di rendere il figlio orfano di un padre vivo’.

NOTA REDAZIONE DIREDONNE: Non pubblichiamo la foto proposta e inviataci dal signor Giuseppe Apadula perchè non rientra nella richiesta di replica/rettifica richiesta all’agenzia Dire, dal momento che a proposito del caso Massaro non abbiamo mai pubblicato foto del minore, nemmeno ‘oscurate’ e mai ci è stato chiesto dalla signora. Ricordiamo che la sentenza di appello del 3 gennaio scorso ha accolto l’appello della signora affinchè il bambino non fosse collocato presso il padre o presso la casa famiglia e che ora è stato nominato, oltre al tutore, anche un curatore per il minore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»