Salvini: “Azzolina è riuscita a far arrabbiare tutti”. E sul governo dice: “Perdono 3 parlamenti al giorno”

Per il leader della Lega il governo resta unito solo per cancellare i dl sicurezza. E promette battaglia per i vitalizi: "Raccoglieremo firme per tagliarli"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Azzolina è riuscita a fare arrabbiare tutti. Se non è in grado di fare il ministro, può fare altro. Ci sono 8 milioni di studenti e un milione di insegnanti che devono ripartire”. Lo ha detto Matteo Salvini, nel corso di un’intervista ad Agorà.

“Abbiamo alla guida un ministro incompetente, incapace e arrogante, prima la signora Lucia Azzolina toglie il disturbo meglio è”, ha detto ancora Salvini più tardi a Bari dove ha lanciato la campagna elettorale per le Regionali in Puglia. “E’ una calamità naturale per insegnanti, studenti e famiglie. A fine giugno non abbiamo ancora le linee guida, non sappiamo quando i nostri bimbi torneranno in classe, come, quanti per classe”. 

“PERDONO 3 PARLAMENTARI AL GIORNO, NON DURANO”

“Il Decreto che stiamo discutendo ora in Aula, siamo a fine giugno, all’inizio si chiamava #DecretoAprile. Questo governo non è onestamente più in grado di gestire la situazione. E il resto d’Europa corre”,  ha detto Salvini ad Agora’ su Rai Tre. “La maggioranza perde due o tre parlamentari al giorno. Non possono andare avanti molto così”, aggiunge.

“UNITI SOLO PER CANCELLARE DL SICUREZZA”

“Il Governo sta litigando su tutto, sono uniti solo per cancellare i Decreti sicurezza. Che non mi sembra sia una priorità del paese…”. Cosi’ Matteo Salvini nel corso di un’intervista a Agorà.

“VITALIZI? PRONTI A RACCOGLIERE FIRME PER TAGLIARLI”

“Non solo pace fiscale e cancellazione della sanatoria dei clandestini: il 4 luglio la Lega raccoglierà le firme anche per abolire una volta per tutte i vecchi vitalizi ancora in vigore– ha detto ancora Salvini ad Agorà-. Siamo orgogliosi di aver votato contro i privilegi anche in Commissione, unici ad averlo fatto. Quelle del Pd sono lacrime di coccodrillo: solo un anno fa voleva aumentare gli stipendi dei parlamentari con tanto di proposta formale del suo tesoriere Zanda”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»