Santelli in Consiglio regionale: “Fiducia e reputazione parole chiave di una nuova Calabria”

"Un inventario della spesa, non una relazione dettagliata" commenta così le linee programmatiche della governatrice Jole Santelli il capogruppo del Pd Calabria Domenico Bevacqua
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Vorrei focalizzare la mia azione di governo regionale puntando su alcune parole chiave, con la necessita’ di adottare una visione della Calabria che non sia riconducibile a singole azioni, ma un progetto generale”. Cosi’ la governatrice Jole Santelli intervenendo oggi in Consiglio regionale per presentare le linee programmatiche.
“Vorrei che i calabresi tornino ad avere fiducia, nelle istituzioni e nel sistema Calabria – ha aggiunto Santelli – e mi battero’ per migliorare la nostra reputazione, perche’ la reputazione e’ lo specchio con cui ci guardano gli altri. Non e’ solo promozione, ma raccontare la vera Calabria”.

SANTELLI: “ABBIAMO EREDITATO UN SISTEMA SANITARIO AL COLLASSO”

“Abbiamo ereditato una regione al collasso sanitario. Per far fronte alla pandemia abbiamo dotato gli hub di terapie intensive, ci siamo battuti per dotare il nostro sistema sanitario di ventilatori messi a disposizione dal governo centrale”. Inoltre la governatrice della Calabria aggiunge: “Abbiamo realizzato un’App per monitorare i cittadini, avviare consulti medici e gestire le quarantene e abbiamo attivato le Unita’ speciali di continuita’ assistenziale (Usca) per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19 che non necessitano ricovero. Abbiamo sottoposto a tampone piu’ di 60mila persone ossia 1 test ogni 33 abitanti che rappresenta una delle medie piu’ alte delle regioni meno colpite”.

EMERGENZA RIFIUTI, SANTELLI: “USCIRE DALLA LOGICA DELLA DISCARICA”

“La Calabria e’ la Regione con piu’ rifiuti smaltiti in discarica rispetto al resto d’Italia. Occorre uscire da questa logica. È necessario intervenire con un Piano, attraverso il quale vengano adottate e gestite in trasparenza e piena sicurezza tutte le soluzioni e le tecnologie oggi disponibili per una gestione efficace dei rifiuti”. “Tutto questo processo di innovazione e rispetto ambientale – ha aggiunto Santelli – puo’ contribuire, come hanno gia’ fatto altre Regioni italiane, a far diventare i rifiuti fonte di lavoro e di sviluppo. Salvaguardando, allo stesso tempo, la salute dei cittadini e la qualita’ del territorio”.

BEVACQUA (PD): “PROGRAMMA SANTELLI DA INVENTARIO DELLA SPESA”

“Ci aspettavamo non l’inventario della spesa o l’elenco dei problemi, ma una relazione dettagliata. La genericita’ della sua relazione programmatica e’ emersa nel suo intervento”. Cosi’ il capogruppo del Pd in Consiglio regionale della Calabria Domenico Bevacqua nel proprio intervento in Aula a commento delle linee programmatiche della governatrice Jole Santelli. “Avete fermato il tempo al 2019 – ha aggiunto il consigliere dem – come se il Covid non abbia riguardato la Calabria. Manca una visione politica della nuova fase – ha concluso Bevacqua – che non puo’ essere governata da un accentramento di potere”. 

MINASI (LEGA): “REGIONE SIA CASA PER I NOSTRI GIOVANI”

“Le linee programmatiche della presidente Santelli offrono una lucida e puntuale fotografia della Calabria e restituiscono dignita’ anche a quest’aula, dopo una gestione unipersonale di chi ci ha preceduto”. Cosi’ la capogruppo della Lega in Consiglio regionale Tilde Minasi intervenendo nel corso della presentazione delle linee programmatiche della giunta regionale. “Siamo in perfetta sintonia con il programma della governatrice – ha aggiunto – indirizzato verso la costruzione di una Calabria migliore, con risposte adeguate, soprattutto per le fasce piu’ deboli. Immaginiamo – ha concluso la capogruppo della Lega – una regione che sia casa e non luogo di vacanza per i nostri giovani”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»