Palazzo Chigi: “Gli assistenti civici non saranno incaricati di pubblico servizio”

Dopo le polemiche il chiarimento, al termine della riunione di maggioranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Gli assistenti civici “non saranno incaricati di pubblico servizio” e la loro attività non avrà nulla a che vedere con le attività a cui sono tradizionalmente preposte le forze di polizia”. Lo chiariscono fonti di palazzo Chigi, al termine della riunione di maggioranza, a cui hanno partecipato il Presidente Conte e i ministri Lamorgese, Boccia e Catalfo. La Presidenza del Consiglio ha chiarito che i Ministri direttamente interessati al progetto continueranno a lavorare per mettere a punto i dettagli di questa iniziativa, che mira, per il tramite della Protezione civile, a soddisfare la richiesta di ANCI di potersi avvalere, per tutta la durata dell’emergenza sanitaria, di soggetti chiamati ad espletare, gratuitamente, prestazioni di volontariato, con finalità di mera utilità e solidarietà sociale, anche attraverso la rete del Terzo Settore. Questa iniziativa si inserisce nell’alveo di quelle già assunte dalla Protezione civile, che hanno portato a dislocare oltre 2.300 volontari nelle varie strutture ospedaliere, nelle RSA e nelle carceri.

LEGGI ANCHE: Assistenti civici, nuova lite nel governo. Viminale “non informato”, l’ira di M5s e Renzi

Vigilare sulla Fase 2, arriva il bando per 60.000 ‘assistenti civici’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»