Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Argentina, le donne passano ai raggi ‘x’ candidati e programmi su ‘Feminindex’

Le attiviste di Economia femminista hanno studiato le dichiarazioni sui diritti femminili e anche le “frasi macho” che sono arrivate dai candidati alle elezioni di domenica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è un’altra crisi in Argentina. Ha a che fare solo in parte con crolli del peso, rischi di default e ristrutturazioni del debito. La documenta minuto per minuto FeminIndex, sito online creato dal collettivo di esperte ed attiviste di Economia feminista. L’idea è nata con l’approssimarsi delle elezioni, presidenziali, legislative e provinciali, in programma domenica.

All’indirizzo Feminindex.com sono ricostruiti i profili di tutti i candidati, aggiornati sulla base delle loro dichiarazioni su diritti delle donne e “agenda” di genere. Parole, promesse, minacce e pure “frasi macho” catalogate e contestualizzate con grafici shock: in Argentina l’aborto resta illegale e ogni cinque minuti un’adolescente diventa madre; a fronte di una crisi economica che morde, con un reddito femminile inferiore del 27 per cento rispetto alla media nazionale, sette poveri su dieci sono donne.









Precedente
Successivo

L’idea di FeminIndex è favorire un cambiamento nella direzione della parità di genere. Un obiettivo che le esperte del collettivo perseguono con dati e informazioni, sottoponendo questionari ai candidati o in caso di mancate risposte citando le loro dichiarazioni pubbliche. Gli ambiti di indagine vanno dai diritti sessuali e riproduttivi all’economia femminile, dall’agenda Lgbtttiq+ alla partecipazione politica.

Uno spazio a sé ha poi la “violenza machista”, con maglie nere indossate da un candidato dopo l’altro: al senatore Miguel Angel Pichetto, che se la prende con le donne che “se ne stanno a bere il tè e poi vanno in pensione come lavoratrici domestiche senza pagare contributi”, risponde il governatore Juan Manuel Urtubey, innamorato della moglie al punto da dire: “Dove brilla di più è la casa, è un’ottima casalinga”.

Su Feminindex.com alle denunce si accompagnano però sempre le proposte. Prendete il sostegno al progetto di legge per l’aborto “libero e sicuro” dopo lo “stop” imposto in extremis dal Senato lo scorso anno, ai corsi di educazione sessuale nelle scuole o alla gratuità dei prodotti per l’igiene mestruale. L’impegno è andare al di là delle etichette su neoliberalismi e populismi associate al presidente Mauricio Macri e al suo sfidante (favorito) Alberto Fernandez. Molto meglio le pagelle candidato per candidato: voti da uno a sei, pallini rossi, gialli o azzurri, con promossi e bocciati in educazione sessuale e diritti riproduttivi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»