Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Via Curtatone, Di Maio: “Allucinante criticare la Polizia. E Raggi si occupa dei romani”

"Lo Stato si deve far rispettare, non possiamo assistere a immagini di guerriglia e poi mettere la polizia sotto accusa per una frase infelice"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se c’è un immobile occupato abusivamente, in questo caso da migranti rifugiati in Italia, è giusto che questo immobile venga sgomberato. Sono state offerte delle alternative a quei migranti ma sembra che a loro non vadano bene, sembra che vogliono restare in quella zona”. Lo dice Luigi Di Maio a Omnibus su La7, che ha pubblicato il video dell’intervista sulla sua pagina Facebook.

“Si devono sgomberare gli immobili abusivi, si deve dare un’alternativa a queste persone, perché sono rifugiati aventi diritto, ma non si può tollerare che si lancino bombole di gas o altri oggetti contro la nostra polizia di stato ed è allucinante che stamattina faccia più notizia una frase infelice di un agente che sicuramente spero abbia fatto solo per la tensione del momento. Fa più notizia questo che loro che lanciano di tutto contro la polizia”. E attacca: “Chi ha lanciato cose contro la polizia non può più avere il permesso di restare in Italia”.

“BASTA CRITICHE, RAGGI SI OCCUPA DEI ROMANI”

“Non possiamo usare ancora una volta questa questione per attaccare la sindaca Raggi che si deve occupare vero dell’emergenza migranti, ma soprattutto dei romani“, sostiene Di Maio.

“Lo Stato si deve far rispettare- ribadisce- non possiamo assistere a immagini di guerriglia e poi mettere la polizia sotto accusa per una frase infelice” quando poi ci sono dei migranti che hanno rifiutato degli alloggi “in provincia di Rieti perché vogliono restare in quella zona”, specifica.

LEGGI ANCHE

La petizione di Christian Raimo: “Roma è antirazzista e solidale”

Sgombero di via Curtatone, Gabrielli: “La Polizia non sarà la foglia di fico di qualcun altro”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»