VIDEO| Falcomatà: “Con Letta il Pd si candida a vincere le elezioni”

Il sindaco di Reggio Calabria, intervistato dall'agenzia Dire, si augura che il nuovo segretario del Partito Democratico "riesca ad unire" le varie anime del centrosinistra, da Renzi a Calenda, dal M5s a Leu
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le dichiarazioni di Letta mi pare che vadano nella direzione che la base di aspetta: un partito non più prigioniero delle correnti, specialmente se si tratta di correnti che mirano a ruoli e poltrone, che parla al Paese e si occupa dei problemi”. Così il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà (Pd), intervistato dall’Agenzia Dire. “Un partito – prosegue- che alle prossime elezioni non vuole recitare il ruolo della coalizione perdente, ma si candida ad essere guida di un percorso plurale, democratico e riformista in cui coinvolgere gli altri partiti, e tornare così a guidare il Paese”. Falcomatà si augura “che Letta riesca ad unire” le varie anime del centrosinistra, da Renzi a Calenda, dal M5s a Leu.

“Penso sia il suo obiettivo, ci sta lavorando insieme ai due nuovi vicesegretari a cui faccio gli auguri, specialmente a Provenzano per quello che aveva fatto da ministro del Sud”. Il sindaco di Reggio Calabria conclude ricordando che “Letta lo ha detto: senza coalizione non si vince. Quindi è importante costruirla e che il Pd rivendichi il suo ruolo di partito maggiormente rappresentativo nel centrosinistra, che si assuma l’onere e l’onore di costruire la coalizione”.

FALCOMATÀ: “OK PIÙ DONNE MA QUESTIONE NON SI RISOLVE CON LE QUOTE

“Più donne negli organismi dirigenti del Pd? Mi pare una buona notizia- dichiara Falcomatà-, anche se su questo tema avremo una soluzione quando smetteremo di pensare alle donne come una categoria, come soggetti da proteggere”. E aggiunge: “su questo il Pd deve fare una seria riflessione per dare alle donne un protagonismo femminile nei ruoli istituzionali e per risolvere situazioni non ancora risolte come la disparità salariale uomo-donne. Su questo l’apporto e il punto di vista femminile va valorizzato ma non può essere ricondotto solo con le quote di genere. Finché pensiamo alle donne come quote, allora la partita non sarà vinta”, aggiunge Falcomatà. Il primo cittadino di Reggio Calabria si sofferma anche sul ruolo dei sindaci, “devono essere coinvolti, da sindaci, all’interno delle scelte decisionali. Ora rappresentano più di altri il partito sui territori”. “Qui non è questione di categorie. Se ci facciamo caso- spiega- abbiamo avuto un segretario sindaco e un altro presidente di Regione. Con l’assenza dei circoli e delle attività sul territorio, oggi i sindaci rappresentano il partito più di altri e possono rappresentare l’umore, le esigenze, le richieste e i sogni della popolazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»