Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Google celebra con un doodle Virginia Woolf, esempio di lotta femminista

136 anni fa nasceva la celebre scrittrice britannica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un nuovo doodle a livello mondiale, è quello che Google propone oggi per celebrare l’anniversario della nascita di Virginia Woolf, un simbolo della lotta per la parità dei sessi.

E’ non è un caso quindi che il motore di ricerca più conosciuto al mondo abbia deciso, proprio nell’anno della rivendicazione dei diritti delle donne da parte del momento #metoo, di celebrare quella che è stata, oltre che uno dei simboli della letteratura del XX secolo, anche una pioniera del femminismo.

Chi era Virginia Woolf

La celebre scrittrice inglese nacque a Londra il 25 gennaio 1882, figlia di un  famoso critico, storico, filosofo e alpinista britannico, Leslie Stephen, e di Julia Prinsep-Stephen, nata in India e diventata modella per pittori in Inghilterra, entrambi vedovi di prime nozze.

Crebbe in una famiglia numerosa, composta da 7 fratelli e sorelle acquisiti e di sangue. Durante l’adolescenza perse la madre e, negli anni a seguire, suo padre e le sorellastre. Ciò causò l’inizio di quella depressione che non l’abbandonò fino alla morte, avvenuta 28 marzo del 1941, quando decise di suicidarsi riempiendosi le tasche di sassi e sprofondando nel fiume Ouse.

Tra le sue opere più celebri ricordiamo La signora Dalloway del 1925, Gita al faro del 1927 e Orlando del 1928, tutte caratterizzate da quel flusso di coscienza che è diventato il suo marchio di fabbrica: un fluire libero di pensieri e riflessioni messi nero su bianco senza una precedente rielaborazione.2

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»