Raid anarchico a Torino: uova e bombe carta contro la sede de La Stampa e La Repubblica

Solidarietà dal mondo politico. Gelmini: "La libertà d'informazione va difesa senza se e senza ma"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Adele Palumbo

TORINO – Questa mattina un gruppo di anarchici ha lanciato uova di vernice verde e una bomba carta rudimentale contro la sede della redazione che ospita La Stampa e La Repubblica, in via Lugaro 15 a Torino.

LEGGI ANCHE: Roma, attentato alla stazione dei Carabinieri di San Giovanni: arrestati 7 anarchici

“Esprimo piena solidarietà alle redattrici e ai redattori dei due quotidiani per il gesto intimidatorio subito questa mattina – ha commentato l’assessore regionale alla Sicurezza, Fabrizio Ricca – difendere la libertà di stampa è un imperativo per ogni democrazia che si voglia definire tale e certi gesti criminali non solo vanno condannati ma anche scongiurati. Quando la violenza politica si muove contro chi fa informazione ci riporta con il pensiero a tempi bui che nessuno vuole tornare a vedere. Mi auguro che i responsabili siano individuati dalle forze dell’ordine”.

GELMINI: “DIFENDERE LA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE”

Solidarietà anche dai vertici del Pd locale e dal gruppo Forza Italia della Camera dei deputati, che attraverso una nota del capogruppo Mariastella Gelmini fa sapere che “la violenza e l’intolleranza vanno condannate senza se e senza ma. La libertà di informazione è un bene irrinunciabile per la nostra democrazia, che va difeso con convinzione e determinazione”. 

LEGGI ANCHE: Sala e gli scontri a Milano: “Tra anarchici e Forza Nuova, 11 minorenni sui 20 fermati”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»