Ironia su Greta per la sua sindrome? “Parla a politici psicopatici…”

Lo psicoanalista junghiano Robert Mercurio: "E' la portavoce di necessità che il collettivo cerca di esprimere"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Questa ragazzina, spesso criticata per la sua sindrome, ha provato a spiegare e a parlare di qualcosa a un pubblico di politici. Alcuni di questi sono degli psicopatici e altri hanno un disturbo narcisistico di personalità estremamente grave. Greta, invece, rappresenta una forma di rivelazione dell’inconscio e tutti dovrebbero mettere da parte il loro cinismo ed ascoltarla”. È forte il commento di Robert Mercurio, noto psicoanalista junghiano e segretario della sede romana dell’Arpa (Associazione per la Ricerca in Psicologia Analitica), in merito al discorso che Greta Thunberg ha tenuto al vertice Onu sul clima.

LEGGI ANCHE: Trump ironizza sull’appello di Greta: “Carino”

La sedicenne sembra quasi un personaggio di una fiaba, ma cosa rappresenta dal punto di vista psicoanalitico? “Greta è un personaggio formidabile. Ci sono diverse teorie sulla nascita delle fiabe- spiega Mercurio- ma quella più accreditata ritiene che la fiaba sia il risultato di una forma di irruzione dell’inconscio nella personalità, nella coscienza, di un individuo che poi diventa anche una realtà collettiva. Greta rappresenta senz’altro una irruzioni dell’inconscio. Nonostante questa adolescente- conclude Mercurio- abbia una sindrome un po’ problematica per una ragazzina, è riuscita a cogliere un movimento nell’inconscio meglio di chiunque altro e a farsi portavoce di questa necessità che l’inconscio collettivo sta cercando di esprimere”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»