Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Diciotti, Guardian: “Pm verso Roma per interrogare Salvini”. Viminale smentisce

ROMA - "I procuratori italiani sono in viaggio verso Roma per interrogare il ministro dell'Interno di estrema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I procuratori italiani sono in viaggio verso Roma per interrogare il ministro dell’Interno di estrema destra Matteo Salvini sulla detenzione illegale dei migranti a bordo” della Diciotti. Lo scrive il quotidiano inglese Guardian.

“L’investigazione, condotta dai procuratori della città siciliana di Agrigento- scrive il Guardian- è stata avviata contro ‘ignoti’ ma è chiaro che se i magistrati dovessero andare avanti con un procedimento giudiziario, Salvini, che non è indagato al momento, finirebbe sotto indagine, essendo responsabile del divieto di sbarco, spiegano le fonti”.

FONTI VIMINALE: NON PREVISTO INTERROGATORIO SALVINI

Non è in programma alcun interrogatorio del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Lo fanno sapere fonti del Viminale.

Il quotidiano britannico Guardian scrive che “i procuratori italiani sono in viaggio verso Roma per interrogare il ministro dell’Interno di estrema destra Matteo Salvini sulla detenzione illegale dei migranti a bordo” della nave Diciotti.

Leggi anche:

Diciotti, l’odissea continua: “I migranti hanno iniziato lo sciopero della fame”

Diciotti, Salvini: “Vogliono arrestarmi? La maggioranza del popolo è con me”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»