Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In bici da Bergamo a Palermo, Orlando riceve due ciclisti “simbolo di ripartenza”

bergamo-palermo-orlando
"Ringrazio i due sindaci Gori e Cancelli in spirito di solidarietà per le vittime che la pandemia ha causato in Sicilia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Partito da Bergamo, una delle città più colpite dal Covid, il 4 maggio, è giunto a Palermo in bicicletta percorrendo tutta l’Italia su due ruote. Dario Carzan, tour operator palermitano, è stato ricevuto questa mattina dal sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, a Villa Niscemi. L’impresa di Carzan, simbolo di speranza e ripartenza per tutto il Paese, si è conclusa oggi e il ciclista ha consegnato a Orlando il gagliardetto della città di Bergamo, portando i saluti del sindaco Giorgio Gori.
A Villa Niscemi anche Ugo Ghilardi, proveniente da Nembro, un altro centro della Bergamasca, tra i più feriti dalla pandemia, da pochi giorni è in Sicilia con la sua bici con l’obiettivo di visitare le 220 torri d’avvistamento dell’Isola. Oggi ha fatto visita a Orlando omaggiandolo del libro ‘Preghiera per Nembro’, firmato dal fotografo Marco Quaranta. Il volume è accompagnato da un messaggio di Claudio Cancelli, sindaco della località della val Seriana, indirizzato a Orlando e a tutti i siciliani. Un messaggio di ringraziamento per l’impegno degli operatori sanitari della città durante l’emergenza pandemica, quando un gruppo di turisti bergamaschi in visita a Palermo vennero trasferiti per essere assistiti in alcuni ospedali siciliani.

“Ringrazio i due sindaci Gori e Cancelli in spirito di solidarietà per le vittime che la pandemia ha causato in Sicilia e con particolare pesantezza nella area Bergamasca. Siamo vicini in un cammino di rinascita a Palermo, a Bergamo e nell’intero Paese – ha affermato Orlando -. Le imprese sportive di Carzan e Ghilardi – ha aggiunto -, a cui vanno i miei complimenti, sono il segno di un’Italia che ha voglia di ritornare alla vita, un valore che dobbiamo continuare a difendere. Per questo è fondamentale continuare a proteggere gli altri e noi stessi con le mascherine e fare di tutto per accelerare la campagna vaccinale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»