NEWS:

Il 7 dicembre alla Camera il Forum nazionale Anorc

L'appuntamento dedicato all'innovazione digitale si terrà a Palazzo San Macuto dalle 9 alle 16.30: in programma incontri con ospiti e dibattiti

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Il 7 dicembre la Camera dei deputati ospita il Forum dell’Associazione Nazionale degli Operatori e Responsabili della Conservazione dei dati informatici (Anorc) presso Palazzo San Macuto. Un appuntamento dedicato all’innovazione digitale che ha ricevuto anche il patrocinio del Garante della Privacy e di Agid, e che ha l’obiettivo di attivare un confronto tra gli Associati e le due task force di esperti– quella per la digital transformation e dell’intelligenza artificiale- che affiancano il lavoro del sottosegretario all’Innovazione, Alessio Butti.

L’evento, di natura tecnico-istituzionale, sarà diviso in due parti che occuperanno l’intera giornata dalle ore 9 alle ore 16.30: la prima sessione mattutina sarà dedicata al confronto con i rappresentanti dei due comitati, le istituzioni e gli esperti della digital trasformation sulle principali proposte degli Associati relative alle tematiche presidiate da Anorc tra cui la conservazione del patrimonio informativo, pubblico e privato, alla luce delle novità europee.

Nella seconda parte, che si svolgerà nel pomeriggio a partire dalle 14.30, è previsto un dibattito tra gli Associati su ulteriori istanze propositive, tutte finalizzate al potenziamento dell’infrastruttura digitale del Sistema Paese nell’ottica del miglioramento dei servizi offerti da parte delle PA a beneficio di cittadini, professionisti e imprese, nonché alla diffusione di competenze specialistiche per permettere di utilizzare al meglio la tecnologia.

Il Forum sarà anche l’occasione per presentare i lavori di Anorc sulla seconda parte dell’indagine relativi agli obblighi normativi in materia di conservazione documentale da parte delle PA centrali, i cui primi risultati erano stati presentati nel corso dell’ultimo appuntamento a marzo 2023.

Tra gli ospiti istituzionali del dibattito, moderato dagli Avv.ti Andrea Lisi e Luigi Foglia, rispettivamente Presidente di Anorc Professioni e Segretario generale di Anorc, ci saranno il Dott. Agostino Ghiglia, componente del garante per la protezione dei dati personali, Ing. Mario Nobile, Direttore di Agenzia per l’Italia digitale (AgID), il Prof. Donato A. Limone, Presidente del Comitato di esperti per l’innovazione tecnologica e Presidente del Comitato tecnico-scientifico di Anorc Professioni. In qualità di rappresentanti delle due Commissioni di esperti, saranno presenti per il Comitato sull’innovazione tecnologica e transizione digitale Avv. Silvia Carosini, esperta di legislazione internazionale ed anticorruzion, Prof. Enzo Chilelli docente dell’università Unitelma Sapienza ed esperto di Sanità digitale, componente del Comitato tecnico-scientifico di Anorc Professioni, Ing. Giovanni Manca, Ingegnere elettronico, esperto di trasformazione digitale e sicurezza informatica, Presidente di Anorc. Come rappresentante del Comitato per l’intelligenza artificiale ci sarà invece Prof. Ranieri Razzante.

Tra gli ospiti che animeranno il dibattito ci saranno anche Dott.ssa Isabella Corradini, Presidente del Centro Ricerche Themis, Segreteria Tecnica AGID del Comitato di Coordinamento IA, componente del Comitato tecnico-scientifico di Anorc Professioni e Prof. Avv. Angelo Giuseppe Orofino, Professore ordinario di diritto amministrativo nell’Università Lum “Giuseppe Degennaro”.
L’incontro è riservato ai soci di Anorc Mercato e Anorc Professioni. Per maggiori informazioni, è possibile consultare la pagina ufficiale dell’evento.
L’evento ha ricevuto il patrocinio, oltre che dal Garante della protezione dei dati e dell’Agenzia per l’Italia digitale (AgID), di Fondazione AIDR, AISIS, ANAI, ANDIP, APSP, AssoSoftware, Protech Cattedra Jean Monnet, CDTI, ReCEPL, Circolo dei Giuristi Telematici, Clusit, CNA Professioni, Procedamus, SIT, IAMCP Italia, ITKAM, IWA, Sos Archivi, Centro Ricerche Themis.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail