Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Anche il Lazio potrebbe aprire all’obbligo di vaccini per i bimbi al nido

In Emilia Romagna l'obbligo già c'è. Rodolfo Lena: ".Condivido molto questa scelta, è una proposta di legge che firmerei e ne parlerò in maggioranza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Pisana_consiglio_regionale_lazioROMA – Dopo l’Emilia Romagna, anche nel Lazio potrebbe essere discussa una proposta di legge per l’introduzione della vaccinazione obbligatoria per i bambini che frequenteranno gli asili nido pubblici e privati. A dirlo il presidente della commissione Politiche sociali e Salute, Rodolfo Lena.

Interpellato a margine della seduta di Consiglio sul provvedimento approvato ieri dall’Assemblea dell’Emilia Romagna (per accedere ai nidi sarà necessaria la vaccinazione antipolio, antidifterica, antitetanica e antiepatite B, ndr), Lena ha risposto: “E’ assolutamente indispensabile che i bambini vengano vaccinati e questa proposta potrebbe essere l’apertura di un nuovo discorso che si potrà fare anche nel Lazio. Condivido molto questa scelta, è una proposta di legge che firmerei e ne parlerò in maggioranza”.

Secondo Lena, infatti, “stanno tornando malattie che erano state debellate e quindi la vaccinazione diventa fondamentale. Dunque è giusto che ci sia una legge che regoli l’accesso al nido per i bambini dai 0 ai 3 anni”. A chi gli chiedeva se nel Lazio esistesse una lobby anti-vaccino, Lena ha concluso: “Non parlerei di lobby, ma di situazioni personali che poi incidono sulla vita dei nostri figli. Il diritto alla salute è anche questo”.

LEGGI ANCHE

Vaccini obbligatori per iscriversi al nido, in Emilia Romagna è legge

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»