Vaccini obbligatori per iscriversi al nido, in Emilia Romagna è legge

La scelta della giunta Bonaccini 'benedetta' anche dal presidente del Consiglio Matteo Renzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – In Emilia Romagna sarà obbligatorio essere vaccinati per accedere agli asili nido. La decisione è stata fortemente voluta dalla giunta guidata da Stefano Bonaccini (Pd). La legge regionale è stata approvata ieri pomeriggio. E’ la prima in Italia.

“Credo che abbiamo fatto una scelta giusta”, dice Bonaccini. “Io ho fatto l’amministratore nei comuni e non avevo mai  sentito tanto consenso intorno a una scelta“, da parte della “stragrande maggioranza dei genitori e delle famiglie”.

BONACCINI: TROPPI ‘ESPERTI’ ATTRAVERSO WEB, DERIVA PERICOLOSA

 Se da un lato “la diffusione delle informazioni attraverso la rete” e’ positiva, dall’altro “sta rischiando di mettere sempre piu’ persone” nella condizione di ritenersi “degli esperti in qualsiasi campo. Leggono in rete e pensano di essere degli esperti”. E questa “potrebbe essere una deriva molto pericolosa. Stiamo parlando della salute delle persone e, soprattutto, dei bambini“.

RENZI: BENE BONACCINI SU OBBLIGO PER ACCESSO IN ASILI NIDO

“Bravo Stefano, ben fatto!”. Lo scrive su twitter il premier Matteo Renzi che condivide cosi’ la decisione del presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che ha deciso di introdurre l’obbligo della vaccinazione per l’accesso negli asili nido.

BONACCINI: “SCONCERTANTE E SURREALE IN NO DEI 5 STELLE ALL’OBBLIGO”

“Mi ha sconcertato il voto contrario dei 5 stelle”, dice il presidente dell’Emilia Romagna. “Mi appare surreale il voto contrario dei 5 stelle, ma ormai non ci si sorprende piu’ di niente”. E sottolinea che anche “ieri, nel voto in consiglio, chi si e’ astenuto delle opposizioni e’ perche’ non e’ al governo ma ha riconosciuto” la validita’ della nostra decisione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»