Gerusalemme, l’appello del papa per fermare le violenze: “Moderazione e dialogo”

Al termine dell'Angelus in piazza San Pietro, il papa ricorda la situazione di tensione a Gerusalemme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Seguo “le gravi tensioni e violenze di questi giorni a Gerusalemme”. Per questo voglio lanciare “un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera affinchè il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace“. Lo dice Papa Francesco al termine dell’Angelus in piazza San Pietro.

 La tensione resta altissima a Gerusalemme, dove nei giorni scorsi ci sono stati violenti scontri dopo il divieto, imposto dalle autorità di Israele, di vietare l’accesso alla Spianata delle moschee agli uomini under 50. L’ultima notizia che arriva dai media israeliani, poi, è quella di un blitz dei servizi segreti israeliani in Cisgiordania, dove sono stati arrestati 25 membri di Hamas, tra cui anche funzionari del movimento islamista al potere nella Striscia di Gaza.

LEGGI ANCHE:

 Vietata la spianata delle moschee agli under 50, scontri a Gerusalemme/FOTO e VIDEO

Scontri a Gerusalemme sulla spianata delle moschee: feriti 14 palestinesi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»