Coronavirus, tempi duri per il pangolino: sospettato e braccato

Indagato come ospite intermedio del virus e contrabbandato da Africa ad Asia per le scaglie: i divieti sono solo alimentari e non scientifici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tempi duri anche per il pangolino. Sospettato di essere stato l’ospite intermediario all’origine della diffusione nell’uomo del Covid-19, resta il mammifero più braccato al mondo.

PERCHÉ È COSÌ RICERCATO?

Il contrabbando delle sue scaglie continua infatti dall’Africa all’Asia, nonostante frontiere e porti siano ufficialmente chiusi a causa della pandemia. Una conferma tra tante un sequestro a Port Kelang, nello Stretto di Malacca, del quale si è saputo a inizio mese: oltre sei tonnellate di scaglie, per un valore di 18 milioni di dollari, destinate probabilmente a preparati di medicina tradizionale.

La caccia al pangolino continua a sud del Sahara, in almeno 14 Paesi, dove ogni anno sarebbero catturati tra i 500.000 e i 2 milioni e 700.000 esemplari.

Secondo la rivista Jeune Afrique, ad alimentare la domanda sono i Paesi dell’est dell’Asia, dalla Malesia al Vietnam alla Cina, dove il divieto di vendita di pangolini e altri animali selvatici introdotto in tempi di pandemia non riguarda usi medici e scientifici (purtroppo, denunciano le ong ambientaliste).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»