Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ius soli, il richiamo di Galantino: “Diventato merce elettorale, questa non è serietà”

Il segretario generale della Cei punta il dito su chi lucra su temi importanti, basandosi sulla disinformazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In Italia su tanti temi, dalla vita all’immigrazione, è che non c’è più la possibilità di ragionare, di confrontarsi: subito si viene iscritti nella lista dei perdenti. E questo non è segno di civiltà. Mentre su alcuni temi, dove non c’è da perder voti, si trova subito l’accordo. Stiamo trasformando tutto a merce elettorale: questa non è serietà, non è politica. Lo dico con grande dolore. A me piace confrontarmi, su tutto. Il primo che griderà avrà ragione”. Monsignor Galantino, vescovo di Cassano all’Ionio e segretario generale della Cei, lo dice a Circo Massimo, su Radio Capital.

Uno schema che si ripete spesso quando si parla di Ius soli: “La mia ossessione sono tanti ragazzi che parlano romano e napoletano che devono sentirsi dire che non sono italiani. Ed è triste che chi sta lucrando su questa cosa lo fa basandosi sulla disinformazione– dice Galantino- la gente non sa che lo Ius soli italiano è uno Ius culturae soprattutto, cioè mette alcune condizioni precise”.

LEGGI ANCHE

Ius soli, Ius sanguinis e Ius culturae: come diventare cittadini in Italia e nel mondo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»