NEWS:

Il bacio di Rubiales alla calciatrice? Boldrini: “È una forma di violenza sessuale”

"È inaccettabile che si baci sulle labbra una giocatrice per congratularsi con lei", dice Laura Boldrini sul caso della calciatrice Jenni Hermoso baciata sulla bocca dal presidente della Federcalcio spagnolo Luis Rubiales

Pubblicato:22-08-2023 16:09
Ultimo aggiornamento:24-08-2023 15:55
Autore:

rubiales hermoso_bacio_spagna
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – “Ha ragione la ministra spagnola dell’Uguaglianza, Irene Montero: un bacio sulla bocca senza consenso è una forma di violenza sessuale. E ha ragione anche il ministro spagnolo dello Sport, Miquel Iceta: inaccettabile che si baci sulle labbra una giocatrice per congratularsi con lei“. Così in una nota stampa Laura Boldrini, deputata del Partito Democratico e Presidente del Comitato Permanente della Camera sui Diritti umani nel mondo a proposito del bacio in bocca dato dal presidente della Federcalcio spagnola Rubiales alla calciatrice .Jenni Hermoso durante i festeggiamenti immediatamente successivi al fischio di fine partita della finale Spagna-Inghilterra di domenica 20 agosto.

LEGGI ANCHE: Rosa Chemical bacia Fedez, ma il consenso? È polemica sui social

“UN’IMPOSIZIONE DA PARTE DI UN UOMO DI POTERE”

“Il comportamento di Luis Rubiales, presidente della Federcalcio spagnola, che impone il bacio in bocca a un’atleta che non lo vuole, non va derubricato a gesto dovuto all’euforia del momento, a gioia per la vittoria della Spagna sull’Inghilterra nella finale mondiale del Campionato femminile di calcio. È invece una forma di imposizione da parte di un uomo di potere verso una giovane donna che si è trovata a dover subire. Se anziché una calciatrice avesse avuto davanti un calciatore, Rubiales avrebbe fatto altrettanto? Sicuramente no. Luis Rubiales, con il bacio estorto a Jenni Hermoso (una forma di molestia sessuale)- conclude Boldrini- ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza a svolgere il ruolo che riveste. Nei suoi confronti vanno presi seri provvedimenti“.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy