hamburger menu

A 92 anni dal terremoto che sconvolse il Vulture, Bardi: “Ricordare per prevenire”

Il 23 luglio del 1930 il sisma che colpi anche Campania e Puglia. Epicentro in Irpinia

22-07-2022 15:05
vito bardi_Imagoeconomica_1330397-min
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

POTENZA – “Anche quest’anno voglio ricordare la ricorrenza del terremoto del 23 luglio del 1930 che colpì l’area del Vulture Melfese. Sono passati 92 anni da quel triste giorno che sconvolse la vita degli abitanti di Atella, Barile, Melfi, Rapolla e Rionero. Ricordare gli eventi lontani rappresenta un dovere per le istituzioni che devono ergersi a baluardo di civiltà e di memoria di tutti i fatti tragici vissuti dalla popolazione, prima che il loro ricorso si dissolva nel tempo”. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, ricordando che di recente la giunta regionale ha approvato un regolamento attuativo che semplifica le procedure autorizzative rilasciate dalla Regione alle attività edilizie nelle zone sismiche. Ciò per incentivare l’effettiva realizzazione degli interventi di miglioramento sismico degli edifici esistenti, candidati con il Sismabonus.

TERRITORIO FRAGILE, RICORDARE È UTILE PER PROGRAMMARE E PREVENIRE

“La nostra Basilicata è un territorio fragile dal punto di vista sismico – conclude Bardi – il ricordo di un evento vissuto dai nostri avi è quindi non solo doveroso, ma anche utile per poter continuare a programmare ogni opportuna misura di prevenzione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-22T15:05:38+02:00