A Bologna almeno due nuovi focolai di Coronavirus: “Attenzione”

L'assessore Donini: "Non possiamo trascurare niente e non abbasseremo la guardia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sono almeno due i nuovi focolai di coronavirus esplosi negli ultimi giorni a Bologna: uno all’interno di un’azienda e l’altro in una comunità a Casalecchio. Da qui il forte aumento dei positivi nei giorni scorsi. Lo conferma l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, durante la conferenza stampa al termine della visita di questa mattina al Policlinico Sant’Orsola.

“Sono due o tre i cluster individuati- spiega Donini- uno è in una comunità a Casalecchio, un altro in un’azienda. Ci sono meno casi sporadici, quindi i nuovi positivi sono tutti riconducibili a questi focolai“, che sono comunque “oggetto della nostra attenzione. Intensificheremo ulteriormente le indagini epidemiologiche per circorscrivere il prima possibile questi focolai”, garantire l’assessore. Che poi lancia l’ennesimo appello alla prudenza.

Bisogna tenere altissima la guardia– raccomanda Donini- perchè il virus c’è ancora. Il mio auspicio è che i cittadini, nell’ambito del ritorno alla normalità, mantengano il più possibile protezioni e norme di sicurezza ancora in vigore. Soprattutto a Bologna, dove negli ultimi giorni abbiamo assistito ad alcuni focolai”. L’assessore insiste: “Non possiamo trascurare niente e non abbasseremo la guardia. Oggi ci sono le condizioni per un’indagine epidemiologica efficace”, afferma Donini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»