Dopo la rissa a Montecitorio la ressa attorno alla ‘grana’ del Governo Conte

L'editoriale di Nico Perrone per DIre Oggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tutti gli scienziati sono in campo per, dati alla mano, tranquillizzare i cittadini: il trend dei contagi è in discesa. Ora tutta l’attenzione, di Governo, politici, imprenditori e parti sociali, è spostata sulla ripartenza, su come fronteggiare il crollo dell’economia, salvaguardare posti di lavoro e garantire il necessario ai tanti che ancora sono fermi e non hanno nulla per tirare avanti. Qui si giocherà la vita del Governo Conte, sul tempo che ci vorrà per far arrivare a destinazione le risorse promesse.

Già gli imprenditori, con in testa il loro nuovo leader Carlo Bonomi, hanno smesso la grisaglia e indossato abiti da battaglia. Vogliono i soldi promessi, subito e senza che lo Stato si impicci troppo. Sono loro che creano e garantiscono il lavoro, quindi che li si lasciasse liberi di fare senza tanti intralci. Non sono soli, vogliono risorse le parti sociali, i rappresentanti delle mille categorie giù giù fino ai semplici cittadini.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha ben presente i problemi che ha davanti, a partire dalla burocrazia che ancora sta ammazzando le tante domande di aiuto a colpi di certificati richiesti. Conte ha promesso che interverrà con un provvedimento proprio per snellire, accelerare e dare ossigeno a tutti. Sa bene che proprio sulla rapidità si gioca la sua poltrona e il futuro del governo. E dopo la rissa di ieri a Montecitorio, oggi Giancarlo Giorgetti, vera forza della Lega nordista, è tornato in campo con un’ampia intervista. Giorgetti, da tempo, è l’altra voce della Lega, quella che non segue la rabbia e il contrasto quotidiano con i nemici di turno cara al leader Matteo Salvini.

Giorgetti è da sempre attento a non rompere definitivamente con chi al momento ha le leve del comando, soprattutto in questo momento che su al Nord tante imprese, grandi e piccole, hanno un bisogno urgente di essere aiutate. Parla con tutti, e con tutti i suoi ragionamenti sono ispirati al buon senso e all’interesse comune. Giorgetti e Luca Zaia, il potente Governatore del Veneto, sono l’altra anima leghista, quella più istituzionale, quella che si misura con la politica che offre risposte, si batte per ottenere e cambiare e non solo per urlare e mandare a quel paese. Non è il momento, ma quando sarà evidente che con il messaggio di Salvini il Nord è destinato a perdere forza e potere, in tanti sono pronti a scommettere che la Lega ripartirà proprio da loro due.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»