Seduce il parroco di Brescia poi lo ricatta: arrestato 22enne a Trieste

prete
Il giovane rumeno aveva prima chiesto aiuto al sacerdote, poi era passato alle avance e infine aveva segretamente ripreso i contatti intimi con lui, chiedendogli 50mila euro per non diffondere il video
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Prima una richiesta di aiuto per qualche spicciolo per mangiare, poi avance più esplicite, e alla fine la trappola: il ragazzo si spoglia e contatti intimi vengono segretamente ripresi. A cadere in tentazione è stato un parroco in provincia di Brescia, cui il ragazzo 22enne, cittadino rumeno, ha poi chiesto 50 mila euro per non diffondere il filmato ai parrocchiani, i cui contatti sono stati sottratti dalla rubrica telefonica dello stesso sacerdote.

A ricostruire la vicenda in una nota sono i Carabinieri di Aurisina (Trieste) che oggi hanno arrestato il ragazzo, latitante da un mese, al valico di Fernetti mentre stava rientrando dalle festività pasquali trascorse in Romania. A denunciarlo all’Autorità giudiziaria di Brescia è stato lo stesso parroco ricattato, non prima di aver cercato di comprare il suo silenzio offrendogli 14mila euro. Il giovane si trova ora nel locale carcere di via Coroneo di Trieste, in attesa che l’Autorità giudiziaria che ha emesso il provvedimento restrittivo faccia luce sulla vicenda, conclude l’Arma.

LEGGI ANCHE: Dopo le maxi meduse la micro alga. E il golfo di Trieste diventa arancione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»