Coronavirus, distanze e app: a Riccione si tornerà in spiaggia

"Ritorneremo alle vacanze": ne è convinta la sindaco di Riccione Renata Tosi che detta la ricetta della Perla Verde per tornare a godersi la spiaggia finita l'emergenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ritorneremo alle vacanze“. Sorridente, in diretta dal “suo” lungomare alla ‘Vita in diretta’ su Rai 1, la sindaco di Riccione, in provincia di Rimini, Renata Tosi, detta la ricetta della Perla Verde per tornare a godersi la spiaggia, dove i trattori cominciano ad abbattere la duna che protegge d’inverno dalle mareggiate. Una ricetta che prevede di “applicare le regole di distanziamento alle vacanze“, spiega. 

E dunque ombrelloni e tende a distanze maggiori rispetto agli anni precedenti, circa 4,5 metri l’uno dall’altro; e una app per le prenotazioni. Alla sindaco piacerebbe avere problemi di numeri, ma e’ convinta che sara’ “una stagione differente anche nella fruizione delle vacanze e di Riccione”. Comunque negli operatori piu’ che preoccupazione, sottolinea, “ci sono ottimismo e voglia di mettersi all’opera per trovare la soluzione migliore”. E, rimarca, “senza ritoccare i prezzi” e offrendo piu’ servizi, a partire dalla prenotazione di aperitivi e pranzi direttamente da sotto l’ombrellone. “Siamo stati rigidi con le misure di prevenzione- conclude- per regalarci un futuro di economia, aperture e turismo”.

Intanto il cuore d’oro dei sui concittadini ha permesso di raccogliere dall’8 aprile a oggi sul conto corrente dedicato acceso dal Comune quasi 72.000 euro per l’emergenza sanitaria.
Con bonifici che vanno da 50 euro a cifre molto piu’ alte. Tra i donatori, che vogliono rimanere anonimi, commercialisti, dipendenti pubblici, imprenditori, bagnini e associazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»