Coronavirus, in 8000 medici rispondono all’appello per la task force

Crippa: "Ci sono richieste arrivate da tutte le regioni, anche da parte di medici di 80 anni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Avevamo lanciato l’appello per una task force di 300 medici volontari da mandare in prima linea contro il coronavirus. Hanno risposto in quasi 8 mila da tutta la Penisola. Questa è l’Italia. Questo è il Paese che si mette in gioco per il bene collettivo con spirito di comunità, coraggio e dedizione. Questa è la nazione che sa affrontare i tornanti più difficili della storia e sa uscirne correndo più veloce di prima”.  Lo scrive su facebook Fabiana Dadone, ministra della Funzione pubblica. “Da cittadina, da mamma, da figlia prima che da ministro- conclude- voglio ringraziare tutte queste persone, Grazie!”

CRIPPA (M5S): “DA MEDICI COMMOVENTE RISPOSTA AL BANDO”

“Le domande per fare parte della task force di medici volontari da inviare nelle regioni piu’ colpite dal coronavirus sono circa ottomila. È questa la commovente risposta al bando lanciato dalla Protezione civile da parte dei camici bianchi italiani che hanno deciso, con grande generosità e coraggio, di dare una mano ai loro colleghi delle zone piú colpite dal Corononavirus e che sono in prima linea. Questa è l’Italia migliore, quella della solidarietà nel momento più buio. Ci sono richieste arrivate da tutte le regioni, anche da parte di medici di 80 anni. Insieme ce la faremo. E questo gesto ci dà molta forza e speranza affinché il peggio possa passare al più presto e il Paese uscire da quest’emergenza”. È quanto scrive in un post sul suo profilo facebook il capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Davide Crippa.
 
 
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»