Peste suina, a Padova sequestrate 10 tonnellate di carne cinese

Maxi sequestro della Guardia di finanza di Padova che ha intercettato un carico di carne potenzialmente contaminata da peste suina: era nascosta in un doppio fondo di un camion
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA –  La Guardia di Finanza di Padova hanno sequestrato stamattina 10 tonnellate di carni suine provenienti dalla Cina, introdotte nell’Unione europea violando le norme. Sono potenzialmente contaminate dalla peste suina africana e i sanitari dell’Ulss 6 Euganea hanno ritenuto il prodotto potenzialmente molto pericoloso.

Il camion è stato intercettato alla dogana: proveniva dalla Cina via Rotterdam. Le carni erano state nascoste in un doppio fondo.

“Ancora una volta assistiamo all’intollerabile”, commenta il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. E prosegue: “Cibi pericolosi destinati alle nostre tavole, con rischi per la nostra salute e danni per il lavoro dei nostri imprenditori. Per fortuna le Fiamme gialle di Padova sono intervenute, dimostrando che non bisogna mai abbassare la guardia”.

“Chi pensa di arricchirsi sulla pelle dei veneti deve essere punito. Esprimo i miei complimenti alla Guardia di finanza: hanno dimostrato di essere veramente degli angeli custodi, come tutte le forze dell’ordine che operano a tutela dei cittadini- conclude il governatore-. È ora di finirla, infatti, con l’arrivo nella nostra regione di cibi contraffatti e pericolosi; non va lasciato campo libero a questi trafficanti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»