A Rimini centri estivi dal 2 giugno, gruppi di 5 bimbi

Gli spazi saranno raddoppiati e ci saranno tutte le attenzioni del caso ,a partire dalla sanificazione degli ambienti e dalla creazioni di gruppi più piccoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

RIMINI – Centri estivi di Rimini ai blocchi di partenza il prossimo 22 giugno con diverse novità. Dalla riduzione drastica del numero di bambini per gruppo, al raddoppio degli spazi, sanificazioni degli ambienti, ma anche corsia preferenziale per l’accesso al servizio anche per i “lavoratori Covid”: sono alcune delle nuove modalità e dei criteri stabiliti per il 2020 dalla giunta comunale. In particolare, rispetto agli accessi, sono stati riservati punteggi più alti ai lavoratori Covid e agli stagionali, o coloro che hanno perso il lavoro, a coloro dunque più coinvolti e colpiti dall’emergenza sanitaria. Si tratta del riconoscimento di un punteggio aggiuntivo alle professioni particolarmente impegnate nel periodo di emergenza: professioni sanitarie, sociosanitarie, personale appartenenti alle forze dell’ordine, personale addetto alla pulizia degli ospedali e dei servizi residenziali per anziani e disabili.

Insieme a questi, si confermano come in precedenza punteggi aggiuntivi per favorire l’accesso ai bambini affetti da gravi disabilità o inseriti in nuclei familiari non autosufficienti. Altra casistica a cui è riservata particolare attenzione a livello di punteggio è quella dei fratelli. Ma soprattutto, nel 2020 i centri estivi dovranno garantire il necessario equilibrio tra le esigenze di servizio e quelle di sicurezza e sanitarie: sanificazioni, ambienti più ampi, maggiore utilizzo degli spazi esterni, gruppi più piccoli, formazione per la sicurezza.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Le indicazioni della Sip sulla fase 2: “Nei centri estivi creare dei gruppi omogenei”

Il numero dei bambini per gruppo viene ridotto drasticamente, passando, per la fascia di età 3-6 anni, dal rapporto di un educatore ogni 20 bimbi, a quello di un educatore ogni cinque bimbi. Per la fascia 6/11 anni, il rapporto diventa uno ogni sette.

La scelta determina anche la necessità di raddoppiare le strutture: “Anche per questo- spiega Mattia Morolli, assessore comunale ai Servizi educativi- siamo già al lavoro con i tecnici e le pedagogiste per poter raddoppiare le strutture comunali da riservare alle attività dei centri estivi”.

Nei prossimi giorni “avremo un quadro più dettagliato- assicura l’assessore- che ci permetterà in maniera realistica di capire quali strutture potranno effettivamente soddisfare i nuovi criteri nazionali”. E sulla data di apertura, Morolli non nega la possibilità di anticiparla: “Siamo pronti per il 22 giugno ma, se si creassero le condizioni nazionali e regionali- chiarisce- saremo eventualmente nelle condizioni per poter aprire anche una settimana prima“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»