Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Milanese (FederazioneSanità Confcooperative): “Ripensare Ssn”

"Chiediamo di riscrivere le regole del settore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Penso che il nuovo Governo avrà un tema essenziale su cui riflettere. Basti pensare che l’ultima legge di riforma del Ssn risale al 1992. Occorre mettersi seduti e ripensare l’intero Sistema“. E’ il messaggio lanciato da Giuseppe Milanese, presidente di FederazioneSanita’ Confcooperative, intervistato dall’agenzia di stampa Dire.
“Il Sistema sanitario nazionale- ha spiegato- nacque e fu immaginato in questo modo per combattere l’acuzie, e secondo me anche per facilitare gli erogatori. Oggi bisogna pensare alla cronicità e ai cittadini, dando il giusto spazio all’assistenza primaria che oggi è ancora lasciata indietro. E’ necessario stabilire i ruoli di ciascun attore e dunque individuare bene cosa fa lo Stato. Ad oggi si passa dal pendolo dello statalismo a quello del liberismo: a mio avviso deve esserci una via di mezzo. Diventa necessario programmare e controllare, e inoltre avere degli erogatori di servizi che facciano il loro lavoro avendone i requisiti per farlo. Una riforma di sistema, dunque, che è necessaria- ha concluso Milanese- e per questo mi auguro che avremo un Governo presto, perché è già tardi per tutte quelle persone che hanno bisogni reali sul territorio”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»