NEWS:

Deraglia un treno merci a Firenze, Alta velocità ferma per ore: ritardi record e disagi da Nord a Sud

Giornata di ritardi e disagi per chi viaggia in treno: il deragliamento di un treno merci a Firenze ha portato all'interruzione delle linee dell'Alta velocità Milano-Roma e Venezia Roma

Pubblicato:20-04-2023 09:31
Ultimo aggiornamento:20-04-2023 18:48

treno merci deragliato firenze
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

FIRENZE – Ritardi su ritardi, anche fino a cinque ore, dal Nord al Sud. L’incidente che si è verificato in provincia di Firenze durante la notte ha portato una giornata di passione per i pendolari e i viaggiatori dell’Alta velocità in tutta Italia. Cosa è successo? Un treno merci ha deragliato fra Sesto Fiorentino e Firenze Castello (non ci sono stati feriti) e alle 2.20 la circolazione è stata interrotta, da Firenze a Bologna, come ha fatto sapere Rfi. Nell’incidente, infatti, l’infrastruttura ha riportato danni importanti e si è cominciato a lavorare per rimuovere il convoglio deragliato.

PIÙ DI 50 I TRENI CANCELLATI

Interrotta, oltre alla Milano-Roma, anche la Venezia-Roma e la linea regionale Firenze-Prato-Viareggio. In direzione nord, fa sapere ancora Rfi, sono stati garantiti alcuni collegamenti veloci fino a Firenze e in direzione sud fino a Bologna. La conseguenza è inevitabile: più di 50 treni sono stati cancellati e i ritardi si stanno accumulando con punte di 5 ore.

TRENI RIPARTITI ALLE 12

La circolazione sull’Alta Velocità Firenze- Bologna è ripartitA gradualmente alle 12: il primo treno è transitato a Firenze Castello alle 11.30, dalle 12 è poi ripresa la circolazione ferroviaria sulla linea AV Firenze-Bologn. L’intervento dei tecnici di Rfi proseguirà per consentire la piena operatività delle linee interessate nelle prossime ore.


LA GESTIONE DEI DISAGI

Trenitalia fa sapere che si è subito attivata riprogrammando l’offerta dei collegamenti regionali e a lunga percorrenza attivando, laddove possibile, un servizio sostitutivo con autobus. Sin dalle prime ore della mattina è stata potenziata l’assistenza nelle stazioni interessate e inviati mail e sms ai passeggeri interessati da ritardi, deviazioni di percorso e cancellazioni.

COME CHIEDERE I RIMBORSI

I viaggiatori hanno potuto e possono tuttora riprogrammare il viaggio o ottenere un rimborso integrale del biglietto in caso di rinuncia. Il rimborso può essere richiesto, dal momento in cui si verifica l’evento e fino a un anno dalla data dello stesso, presso le biglietterie di Trenitalia, chiamando il call center al numero 06 3000 o compilando la richiesta online su trenitalia.com.
Per i passeggeri dell’Intercity 797, uno dei primi treni rimasto coinvolto dall’evento, è stato disposto il rimborso integrale del biglietto oltre all’assistenza del personale di Trenitalia.

MINISTERO TRASPORTI: “A FIRENZE SERVE SOTTOPASSO”

Il Vicepremier e Ministro Matteo Salvini sta seguendo con la massima attenzione la vicenda, anche per evitare che in futuro ricapitino situazioni simili. Nel nodo di Firenze c’è un problema legato alla presenza di binari normali vicini a quelli dell’alta velocità, situazione che verrà risolta da un sottopasso i cui lavori partiranno a maggio. Così una nota del Mit.

GIANI: “SOLIDARIETÀ A PENDOLARI, NECESSARIO TUNNEL PER TAV”

“Massima solidarietà ai tanti pendolari costretti a non viaggiare in treno. Quello che è accaduto dimostra ancora una volta che il passante sotterraneo dell’alta velocità a Firenze è sempre più necessario. Avrebbe garantito due percorsi alternativi permettendo in ogni caso il collegamento nord-sud dei treni ad alta velocità. Bisogna procedere in fretta per porre fine a questa situazione”. A dirlo, su Facebook, è il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, che così chiosa il caos sulla circolazione ferroviaria causato dal deragliamento di un treno merci in prossimità di Firenze Castello.

“Intanto- aggiunge- ho appena parlato con l’ad di Rfi per monitorare lo stato di avanzamento della rimozione del carro, massimo impegno per riprendere al più presto la circolazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy