Coronavirus, Palazzo Chigi chiarisce: supermercati aperti anche nel week end

Dopo le polemiche per la scelta del Veneto interviene Palazzo Chigi. A Milano code e paura
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I supermercati, gli ipermercati e i negozi di generi alimentari resteranno aperti durante il fine settimana. È quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi, dopo le polemiche nate dopo la decisione del governatore del Veneto Luca Zaia di chiudere tutti i negozi durante il week end.

La scelta del Veneto ha destato critiche e perplessità anche in Lombardia, con l’assessore al Welfare Giulio Gallera che l’ha definita “un grave errore: io sarei per lasciarli aperti sempre, per evitare assembramenti e non generare il panico“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Zaia: “Il governo non aumenta le restrizioni? Lo faccio io”

SALA: ANNUNCIO SU SUPERMERCATI? CODE CHILOMETRICHE

“Ieri e’ uscita la notizia che si sta pensando di ridurre gli orari della grande distribuzione, bene, oggi ci sono code chilometriche davanti ai supermercati“. Lo dice il sindaco di Milano Giuseppe Sala in un video postato sul suo profilo Facebook, da dove ogni giorno fa il punto sull’emergenza coronavirus.

Sala bacchetta quindi “annunci o semi-annunci preventivi”, perche’ “e’ un grande rischio” che impatta sull’emotivita’ dei cittadini, ripetendo, “le cose si fanno e poi si dicono”.

A FIRENZE ADDETTI SUPERMERCATI SCIOPERANO DOMENICA

Dopo lo stato di agitazione proclamato dalle segreterie regionali, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil annunciano lo sciopero degli addetti nei supermercati di Firenze “per tutte le ore che eccedono dalla fascia oraria 8-19 e per domenica prossima”. Da tempo ormai le tre sigle chiedono di ridurre le fasce orarie di apertura e la chiusura dei punti vendita la domenica, per la sicurezza, anche psicologica, dei lavoratori.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»