Conte: “Con Renzi ci vedremo la settimana prossima. E non cerco responsabili”

Il presidente del Consiglio risponde alla richiesta di un incontro del leader di Italia Viva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ho già risposto” all’incontro richiesto da Matteo Renzi, “io sono sempre disponibile. Sicuramente ci vedremo la settimana prossima, la mia porta è sempre stata e sarà aperta”. Così il premier Giuseppe Conte, parlando a margine del Consiglio Ue a Bruxelles.

Non sto cercando dei responsabili– aggiunge Conte- io lavoro al governo, sarebbe assolutamente improprio che cercassi altre maggioranze”.

LEGGI ANCHE: Renzi ieri minacciava la sfiducia, oggi detta le priorità al Governo

All’esito del confronto con le forze di maggioranza sull’agenda 2023, prosegue il premier, “farò delle comunicazioni al parlamento dove preannuncerò le misure per il rilancio del paese”.

Tutto avverrà “in modo lineare e trasparente, non in televisione ma nelle sede istituzionali, in Parlamento“, sottolinea.

Per quanto riguarda il bilancio dell’Ue, per Conte si tratta di “un negoziato complicato, vogliamo essere ambiziosi. L’Europa e’ di fronte a grandi sfide a cui non possiamo offrire piccole risposte. Servono dotazioni finanziarie adeguate”.

Sulla revoca delle concessioni ad Autostrade, chiarisce Conte, “il governo sta conducendo questa procedura di revoca ed è interesse della controparte, di Autostrade, eventualmente, fare una proposta transattiva che il governo avrebbe addirittura il dovere di valutare, prima che si metta la parola fine su questa procedura”.

“Se fosse una proposta che offre di tutelare l’interesse pubblico ancora più efficacemente della revoca stessa noi abbiamo il dovere di considerarla, ma solo in quel caso. Non si dica che il governo vuole transigere o sta facendo una proposta”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»