VIDEO | Multe per favorire il parcheggio al Tempio di Segesta in provincia di Trapani, 2 arresti

Ai domiciliari il vice comandante della polizia municipale Salvatore Craparotta e l'imprenditore Vita Franesco Isca. Tra gli indagati c'è anche l'ex sindaco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Un “patto corruttivo” tra un imprenditore e un ispettore e vice comandante di polizia municipale con quest’ultimo che avrebbe “sfruttato il proprio ruolo” per “agevolare” l’attività economica e gli introiti della società che gestisce l’area adibita a parcheggio nei pressi del Parco archeologico di Segesta, in provincia di Trapani.

Questa l’accusa che i carabinieri della Compagnia di Alcamo formulano nei confronti di dell’imprenditore edile originario di Vita Francesco Isca e dell’ispettore della polizia municipale del Comune di Calatafimi-Segesta Salvatore Craparotta, in servizio fino a dicembre 2019.

Craparotta avrebbe “multato con assiduità” gli automobilisti che parcheggiavano le proprie auto fuori dal parcheggio a pagamento, lungo la strada che conduce al tempio di Segesta. I due sono finiti agli arresti domiciliari, su ordine del gip del Tribunale di Trapani, nell’ambito di un blitz denominato ‘Phimes’: la Procura indaga anche su altre cinque persone, a cui sono stati recapitati gli avvisi di garanzia.

Tra gli indagati c’è anche l’ex sindaco di Calatafimi-Segesta, Vito Sciortino. I reati contestati ai sette, a vario titolo, sono: favoreggiamento, abuso d’ufficio, omissione d’atti d’ufficio e falsità materiale e ideologica in atti pubblici.

Secondo i carabinieri, quindi, Craparotta “utilizzava indebitamente gli strumenti in suo possesso per incentivare gli introiti del parcheggio di proprietà della società ‘Nuovi Sistemi Edili srl’, riconducibile a Isca: le multe scattavano “con assiduità”, sia su chiamata dell’imprenditore che di iniziativa del vice comandante, per gli automobilisti che parcheggiavano fuori dall’area a pagamento. Secondo i carabinieri Craparotta sarebbe stato “asservito totalmente” al volere di Isca, che aveva assunto alcuni parenti del vice comandante all’interno della sue società: la ‘Segesta Green Tour srl’, che gestisce l’area di parcheggio, che vede la figlia di Craparotta socia al 50% e che ha assunto anche la moglie e il genero del vice comandante.

Un altro figlio di Craparotta è stato assunto, invece, presso la ‘Nuovi Sistemi Edili srl’. Le indagini sono state portate avanti dai carabinieri attraverso pedinamenti e intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre che con l’acquisizione di documenti persso gli uffici del Comune di Calatafimi-Segesta.

Questi gli altri quattro indagati: Maria Craparotta, moglie del vice comandante, il comandante della polizia municipale di Calatafimi-Segesta, Giorgio Collura, e altri due appartenenti al corpo, l’ispettore Leonardo Accardo e l’agente Vito Accardo.

Sciortino dovrà rispondere di abuso d’ufficio e falsità ideologica perché avrebbe “imposto” “senza averne titolo”, con un atto informale a sua firma privo di protocollo, di non fare parcheggiare le auto al’interno dell’area archeologica, che oggi è ente autonomo e che al momento dei fatti dipendeva direttamente dal dipartimento Beni culturali della Regione Siciliana.

Il nome di Isca spunta nell’inchiesta dei magistrati di Palermo sulle vicende che ruotano attorno alle attività del re dell’eolico, Vito Nicastri, e del faccendiere Paolo Arata.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»