Rivoluzione giallorossa: Zaniolo e Mancini cantano ‘Bella ciao’

Il video di Nicolò Zaniolo e Gianluca Mancini in versione cantanti durante la cena di Natale organizzata dalla Roma è diventata presto virale, ma il popolo del web si è diviso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “O partigiano portami via…“. Quando il video di Nicolò Zaniolo e Gianluca Mancini in versione cantanti durante la cena di Natale organizzata dalla Roma ha cominciato a circolare, diventando presto virale, il popolo del web si è subito diviso: da “Per me possono andare in tribuna fino a fine stagione” a “C’è ancora speranza per il futuro”. Canto popolare, nato prima della Liberazione, ‘Bella ciao’ fu adottato durante la Resistenza, associato al movimento partigiano italiano. Oggi si ascolta in molte parti d’Europa, scelto come canto di ribellione contro il nazifascismo. Ad esempio in Siria è stata cantata dagli indipendentisti curdi.

Bella ciao, bella ciao, bella ciao o partigiano portami via, che mi sento di morir…“.

L’esibizione dei due calciatori della Roma è solo l’ultima di una lunga versione del popolare canto, in tv salito alla ribalta, ad esempio, grazie alla serie tv spagnola ‘La Casa di Carta‘, in cui due dei protagonisti la intonano mentre sono a tavola, davanti a un bicchiere di vino rosso. È proprio la serie spagnola, secondo qualcuno, ad aver ispirato i due calciatori giallorossi, stesso colore dell’attuale Governo, nella scelta della canzone. E proprio ‘La Casa di Carta’ l’ha per certi versi sdoganata, visto che da allora di versioni alternative ne sono nate diverse. E decisamente di successo.

“Essas malandra, assanhadinha, Que só quer vrau, Só quer vrau, Só quer vrau Vrau vrau, Vem pra favela Ficar doidinha, Então vem sentando aqui“. Sono ad esempio le prime strofe di Só Quer Vrau, pezzo dei brasiliani MC MM feat DJ RD, che su Youtube ha raggiunto ben 315 milioni visualizzazioni. C’è poi la versione dance, quella del dj francese ‘El Profesor’, nomignolo evidentemente ripreso da ‘Il Professore’, uno dei protagonisti de ‘La Casa di Carta’: in questo caso le visualizzazioni sono oltre 34 milioni. Versione dance anche quella del dj Steve Aoki insieme al duo italiano Marnik: per loro ‘solo’ poco più di 3 milioni di spettatori. Senza dimenticare, ovviamente, versioni etno-folk dei Modena City Ramblers o del bosniaco Goran Bregovic.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»