NEWS:

All’Itis Galilei di Roma l’ultima tappa di ‘Made in Inail’

La ministra del lavoro Maria Elvira Calderone: "Parlare di sicurezza sul lavoro in classe per prevenire i rischi"

Pubblicato:19-10-2023 17:14
Ultimo aggiornamento:20-10-2023 11:17
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Aveva appena 22 anni il più giovane degli operai morti nella strage di Brandizzo: poco più dell’età dei giovani dell’Itis Galileo Galilei di Roma. Per questo è qui, tra gli studenti di un istituto tecnico, che Inail ha scelto di concludere il tour nazionale Forum della Prevenzione Inail, che ha fatto tappa in ogni capoluogo di Regione. ‘Scuola e sicurezza sul lavoro, un percorso di educazione al rischio che parte dai giovani‘ è infatti il tema scelto per l’ultimo appuntamento delle iniziative organizzate su tutto il territorio nazionale nell’ambito del Forum della prevenzione ‘Made in Inail‘. La scuola scelta, l’Itis Galileo Galilei, è una tra le più antiche scuole di formazione tecnico-industriale d’Italia. Una realtà di eccellenza, nel suo settore, scelta per parlare dei giovani, ma anche con i giovani.

La sicurezza non riguarda solo il lavoro ma ogni gesto che facciamo nella nostra vita quotidiana. E noi dobbiamo far in modo che ognuno di voi viva in una condizione di sicurezza- ha detto in apertura la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Maria Elvira Calderone– grazie al progresso e alla tecnologia è aumentata la nostra attenzione e sensibilità su temi così importanti. Ma ancora c’è tanto da fare. Oggi nel nostro Paese si continua a morire di lavoro e per lavoro. Quindi quando vi parleranno a scuola di sicurezza sul lavoro, non pensate solo ai crediti che vi serviranno per sostenere l’esame finale. Pensate che quelle cose che imparerete, le porterete a casa e riuscirete a contaminare in senso positivo, con questa conoscenza, le persone che vi circonderanno. Prevenire è conoscere“. La ministra ha poi parlato delle potenzialità della tecnologia e dell’AI se applicate al tema della sicurezza sul lavoro e ricordato che il governo ha finanziato la copertura assicurativa per studenti e personale della scuola.

“I ragazzi devono entrare subito nei temi della sicurezza del lavoro- ha detto Fabrizio D’Ascenzo, commissario straordinario Inail– È fondamentale iniziare fin da scuola a trasmettere l’importanza della sicurezza. A marzo 2023 Inail ha sottoscritto con questo istituto un protocollo per avviare progetti sperimentali, e spero che si possa proseguire su questa strada allargando sempre di più questo tipo di progetti”.


La giornata è stata promossa da Inail Lazio, “da anni impegnato in un confronto ampio con gli altri partner territoriali- ha evidenziato il Direttore regionale per il Lazio, Domenico Princigalli– quella di oggi è una occasione preziosa per presentare progetti innovativi e soluzioni tecnologiche all’avanguardia, accanto a riflessioni sull’educazione alla percezione del rischio. Siamo convinti che occorra sviluppare nei ragazzi delle scuole superiori, futuri lavoratori e imprenditori, la piena consapevolezza dei rischi del mondo del lavoro, perché siano capaci di rendere effettivo il loro diritto ad un lavoro dignitoso e sicuro”.
Tante le sinergie attivate nel Lazio, con specifici accordi, con l’Ufficio scolastico regionale, il Dipartimento Turismo, Formazione Professionale e Lavoro di Roma Capitale, per realizzare progetti mirati al mondo della scuola. Obiettivo comune, “fare in modo che le buone pratiche esistenti diventino Cultura, per un modello di sviluppo eticamente sostenibile e socialmente responsabile”, ha sottolineato Princigalli.

Per noi questa è una giornata emozionante perché viviamo e affrontiamo tutti i giorni l’argomento della sicurezza sul lavoro– ha detto nel suo intervento la dirigente scolastica Elisabetta Giustini– questo incontro, che conclude vari progetti di Inail. Uno di questi, sviluppato con l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, è stato presentato anche al Presidente della Repubblica. Queste iniziative ci spronano a progettare nuove cose, a sfidare le potenzialità dei nostri ragazzi”.

A salutare i giovani in aula Magna, anche Giuseppe Schiboni, Assessore Lavoro, Università, Scuola, Formazione e Ricerca della Regione Lazio, e Giovanni Conzo, Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Roma. “Ogni lavoratore deve essere tutelato- ha evidenziato- e ogni impresa deve dare al lavoratore gli strumenti che garantiscono la sicurezza La nostra mission è la dignità del lavoratore. Per questo è fondamentale partire dalla formazione e dalla prevenzione”. Dopo i saluti istituzionali, si è aperta la tavola rotonda sul tema ‘Educare al rischio nel mondo del lavoro’, per lasciare spazio poi ad una conversazione con gli studenti moderata dal direttore Inail Andrea Tardiola. La giornata si concluderà nel pomeriggio con i saluti del Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali Claudio Durigon.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy