“Lockdown per pandemia di asintomatici”, in Sardegna è bufera sull’assessore Spano: “Si dimetta”

I post su facebook dell'assessore Paolo Spano fanno arrabbiare la maggioranza: "La gente muore e lui rilancia slogan negazionisti". Chieste le dimissioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CAGLIARI – Bufera sull’assessore alla Sicurezza del Comune di Cagliari, Paolo Spano, per alcuni post sulla sua pagina Facebook nei quali minimizza sui rischi della pandemia. L’assessore della giunta Truzzu, in quota Lega, ha postato prima un’immagine di Donald Trump con la scritta: “Il presidente Usa blocca l’obbligo di mascherina su bus, treni e aerei. Sta mettendo fine a questa operazione terroristica. Ottimo”. La foto è stata rimossa, ma poi Spano ha rilanciato pubblicando un secondo meme polemico nei confronti del governo: “Quindi mi stai dicendo che vogliono il lockdown per una pandemia di asintomatici?”, si legge nella didascalia. Abbastanza per scatenare la rabbia delle opposizioni nel Consiglio comunale che ne chiedono le dimissioni. Oltre a volere una presa di posizione da parte del sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu.

 

“LUI FA IRONIA MENTRE LE PERSONE SONO INTUBATE”

“Mentre le persone si ammalano- attacca Camilla Soru, esponente del Pd- mentre nei reparti c’è chi è intubato e chi non riesce a superare la malattia, mentre i nostri figli vengono privati ancora una volta del loro diritto all’istruzione, tra i rappresentanti della giunta comunale c’è chi -in totale contrasto con la posizione di Truzzu che, va detto, invita costantemente all’uso della mascherina e al rispetto delle regole- sottovaluta il problema. Forse addirittura pensando di fare ironia, diffonde slogan e informazioni proprie del negazionismo”.

“TOTALE MANCANZA DI SENSO ISTITUZIONALE”

Concetti ribaditi da Francesca Ghirra, consigliera comunale dei Progressisti: “Qui non si tratta di divergenze politiche, questa è totale mancanza di senso istituzionale. Mi vergogno profondamente di questo atteggiamento irrispettoso verso le vittime, le persone che soffrono o sono in difficoltà a causa del covid, verso i medici, gli infermieri e il personale sanitario. Confido che il sindaco dia un forte segnale, prendendo le distanze dal suo assessore e rimuovendolo da un ruolo per cui si è dimostrato per l’ennesima volta del tutto inadeguato”.

All’attacco anche Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti in Consiglio regionale: “Mi vergogno profondamente, da cagliaritano, di essere amministrato da una giunta comunale con un assessore che diffonde sui social pericolose fake news e incita al non utilizzo delle mascherine in un momento come questo. È una vergogna”. Adesso, prosegue, “mi aspetto che il sindaco e il partito di cui fa parte, lo stesso dell’assessore regionale alla Sanità, ne prendano immediatamente le distanze. Sono parole pericolose e gravemente offensive nei confronti dei pazienti e del personale sanitario impegnato in queste ore in un lavoro difficile e pericoloso”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»