Beatrice Lorenzin scarica Renzi e sceglie il Pd: “Il nemico è Salvini, un errore la scissione”

Rifiutata la corte del senatore fiorentino, Lorenzin sceglie di aderire al Pd: "La scelta naturale per il mio percorso"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io sono stata ministra con Enrico Letta e Paolo Gentiloni, mi sono trovata in sintonia con Dario Franceschini. E ho capito che in questo momento, nel Pd, si apre uno spazio enorme per chi vuole rappresentare un’area di centro, moderata e riformista. C’è bisogno di una grande casa politica per combattere alla pari con il vero avversario di tutti noi che è Matteo Salvini e il concetto di democrazia illiberale che porta avanti”. Così Beatrice Lorenzin annuncia, in un’intervista a Repubblica, la scelta di aderire al Partito Democratico dopo aver rifiutato la corte di Matteo Renzi.

LEGGI ANCHE: Camera, la maggioranza giallorossa si è già spaccata: 46 franchi tiratori, no agli arresti del forzista Sozzani

“Ritengo che in questa fase- aggiunge Lorenzin- di fronte a un Moloch come la Lega di Salvini bisogna rafforzare il Pd per aprirlo ancora di più ai territori, ai giovani, alle donne, alle istanze del ceto medio che si sente abbandonato”.

Per quseto, Lorenzin giudica l’addio di Renzi un errore: “Le grandi battaglie si vincono stando insieme, non dividendosi. La diversità è ricchezza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»