Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vitalizi, Forza Italia indigesta a Taverna: non riesce neanche a dirne il nome

paola taverna
Telecamere, registratori e taccuini sono pronti. La Taverna rilascia la dichiarazione, attacca la decisione "scandalosa" del Consiglio ma sul più bello scivola.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Forza Italia davvero indigesta a Paola Taverna. Nonostante siano insieme in maggioranza, quando si tratta di attaccarla la vicepresidente del Senato non riesce neppure a pronunciarne il nome. E’ capitato per tre volte questa mattina durante alcune dichiarazioni rilasciate alle telecamere nei pressi del Senato sul caso Formigoni. I Cinquestelle criticano la scelta di restituire il vitalizio all’ex presidente della Regione Lombardia condannato per corruzione e si scagliano contro Forza Italia e Lega, decisivi in Consiglio di garanzia coi loro voti. Ma a complicare i piani c’è un lapsus che colpisce Paola Taverna, la più esperta della delegazione M5s al Senato scesa a parlare con la stampa.

Telecamere, registratori e taccuini sono pronti. La Taverna rilascia la dichiarazione, attacca la decisione “scandalosa” del Consiglio ma sul più bello scivola. La colpa è di “Lega e Fratelli d’Italia”. Fratelli d’Italia? Stop, tutto da rifare. “Forza Italia, senatrice”, suggerisce un cameraman. “Per quale squadra tifa?- fa un altro- pensi a forza Lazio, a forza Roma…”. La Taverna ci riprova, secondo ciak. Ma anche questa volta la Taverna sostituisce FI con FDI. Stavolta è lei stessa ad accorgersene, occhi al cielo con fare colpevole. “Aridaje co’ ‘sto Fratelli d’Italia”, commenta un cameraman. “E vabbè dai, succede”, risponde qualcun altro più paziente. Terza registrazione, sarà la volta buona? Assolutamente no, ancora Fratelli d’Italia al posto di Forza Italia. E’ la stessa senatrice a sorprendersi: “No, non ce posso crede”. Solo al quarto tentativo la missione riesce, tutti sono contenti, delegazione e cronisti. Contrattempi che possono capitare in giornate convulse, sempre di corsa tra centinaia di dichiarazioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»