FOTO | Il coronavirus trasforma il Parlamento, i banchi dei deputati arrivano in Transatlantico

Grazie alle foto inviate da un parlamentare, l'Agenzia Dire è in grado di mostrare in anteprima le nuove postazioni per il rispetto delle norme sul distanziamento sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

transatlantico

transatlantico

transatlantico


Precedente
Successivo

ROMA – Il parlamento si allarga e, per rispettare le norme sul distanziamento sociali, i banchi dei deputati arrivano in Transatlantico.

Una decisione che non ha precedenti nella storia della Repubblica e che vedrà i parlamentari posizionarsi nel corridoio ‘dei passi perduti’, dove tradizionalmente gli onorevoli attendono le sedute d’aula.

Un parlamentare incuriosito ha fotografato le postazioni su cui prevedibilmente dovra’ votare e le ha inviate al sito dell’agenzia Dire, che è in grado di mostrare in anteprima i nuovi banchi. In attesa della disposizione definitiva,  che dovrebbe partire dai primi di giugno, i tavoli sono attualmente posizionati davanti alla bouvette, nascosti da una paratia.  

L’occupazione dello spazio tradizionalmente destinato agli incontri tra deputati e giornalisti avverra’ senza limitazioni per la stampa. Il presidente Fico e l’ufficio di presidenza hanno infatti assicurato alla Stampa parlamentare la possibilita’ di usare il cortile interno, i corridoi laterali e anche il corridoio della Corea per incontrare i parlamentari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»